Finti incidenti per frodare l'assicurazione, 10 indagati dalla procura veronese

Si tratta di cittadini che vivono tra le province di Avellino e Napoli. Le presunte truffe, sull'ordine delle migliaia di euro, sarebbero cominciate dal 2013

(Foto di repertorio)

Un'organizzazione che inscenava dei finti incidenti stradali per frodare l'assicurazione. È proprio frode assicurativa in concorso il reato ipotizzato nei confronti di dieci cittadini che vivono tra le province di Avellino e di Napoli.

L'indagine, come si legge su AvellinoToday, è stata coordinata dal pm veronese Angela Barbaglio ed è partita da una querela da una filiale della veronese Cattolica Assicurazioni, insospettita da alcune anomalie riguardanti una decina di incidenti stradali.

Le presunte truffe, sull'ordine delle migliaia di euro, sarebbero cominciate dal 2013. Per i dieci indagati non è ancora scattato il rinvio a giudizio e i loro difensori dovranno scardinare l'impianto accusatorio della procura veronese per dimostrare che gli incidenti non era finti e che quindi non si è prodotta alcuna frode a danno dell'assicurazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: l'Esu di Verona chiude «aule studio, ristoranti e zone pertinenti»

  • Morto a 53anni sulla A22: forse un colpo di sonno la causa dello schianto

  • Coronavirus. Dopo il chiarimento della Regione, ecco cosa è ammesso a Verona e cosa no

  • Musicista torna in Molise da Verona: «Per il coronavirus, prevenzione bassa»

  • Lessinia e Valpantena, ci sono offerte di lavoro ma sono senza risposta

  • Auto si schianta contro un tir sulla A22: perde la vita un uomo di 53 anni

Torna su
VeronaSera è in caricamento