Acque Veronesi: "Controlli ai depuratori ogni quattro anni"

Il più grande impianto di depurazione del Veronese è quello di Basso Acquar. Serve gli oltre 400mila cittadini del Comune di Verona e lavora su una portata di 30 milioni di metri cubi all’anno

Massimo Mariotti, presidente di Acque Veronesi

Una legge che garantisca controlli ogni quattro anni ai depuratori. Il presidente di Acque Veronesi, Massimo Mariotti, è tra i capofila di un progetto nazionale che, gli esperti del settore, ritengono fondamentale per assicurare un controllo sempre più accurato dell’ambiente e della salute dei cittadini. Della proposta se n’è discusso durante il convegno “Impianti di trattamento delle acque: verifiche di funzionalità e collaudo” al quale, oltre alla società che gestisce il servizio idrico integrato in 73 dei 98 Comuni della provincia di Verona, hanno preso parte anche l’università di Brescia, l’Aato Veronese e la l’Azienda gardesana servizi. Nel caso la proposta si concretizzasse, il Veneto sarebbe la prima regione italiana a poter beneficiare di questo genere di controlli, per altro già obbligatori per legge.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"I processi di depurazione - ha detto Mariotti - costituiscono l’ultimo anello della catena di un processo di convivenza uomo-ambiente in tema di acqua. Acque Veronesi gestisce circa 70 depuratori in tutta la provincia di Verona. Per questo motivo la società dedica impegno ed attenzione ad un tema fondamentale come la depurazione ed una sua corretta gestione. Il convegno - ha proseguito Mariotti - ha messo in evidenza interessanti ed innovative metodologie scientifiche che serviranno ad affrontare al meglio le problematiche relative ai numerosi impianti controllati". Il più grande impianto di depurazione del Veronese è quello di Basso Acquar. Serve gli oltre 400mila cittadini del Comune di Verona e lavora su una portata di 30 milioni di metri cubi all’anno. "La periodicità dei controlli è quanto mai necessaria anche per evitare una rapida usura degli impianti, e quindi ulteriori costi per la loro manutenzione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

  • Gardaland annuncia la data della riapertura ufficiale: attrazioni all'aperto tutte disponibili

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento