Auto vendute a prezzi stracciati, ma intascati i soldi il concessionario sparisce

Numerose persone avrebbero versato caparre e addirittura la somma totale per procedere all'acquisto di un veicolo, ma ad oggi la sede e gli uffici dell'autosalone sarebbero vuoti

Vendita auto - immagine d'archivio

Ingolositi dai prezzi al ribasso, convinti di poter fare l'affare acquistando un'automobile con pochi soldi, in molti si erano rivolti alla concessionaria di Cerea in via Monte Altissimo. Secondo quanto denuncia il Movimento Difesa del Cittadino, addirittura vi si sarebbero interessati «numerosi soggetti residenti in varie parti d’Italia» che, tuttavia, nelle ultime ore avrebbero poi segnalato di «aver versato in alcuni casi la caparra, in altri la somma totale, e di non aver ricevuto l’auto promessa in vendita».

A tutto ciò si aggiungerebbe un'ulteriore allarmante circostanza, denunciata sempre dai potenziali acquirenti di autovetture: «Tali soggetti, - spiega in una nota il Movimento Difesa del Cittadino - ci riferiscono, di non essere in grado, ormai da alcuni giorni, di contattare il concessionario, le cui utenze telefoniche risultano disattivate». Sulla scorta di tali segnalazioni, il Movimento Difesa del Cittadino riferisce di aver quindi svolto un sopralluogo: «Da una visita in loco effettuata lo scorso 5 novembre, è emerso che dall’autosalone sono state portate via tutte le auto ivi esposte in vendita, le scrivanie, i computer. In altri termini, dell’autosalone non è rimasto nulla».

Insomma, del concessionario d'auto di via Monte Altissimo a Cerea non vi sarebbe più traccia, così come dei soldi versati in qualità di caparra o, peggio ancora, di saldo totale per l'acquisto delle auto da parte degli ignari clienti. Il Movimento Difesa del Cittadino rivela che «molti di tali soggetti, allarmati, hanno già denunciato l’accaduto alle forze dell’ordine» e, infine, invita «tutti coloro che hanno versato delle somme al concessionario, a rivolgersi alle nostre sedi sul territorio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Con il dottor Claudio Zorzi dell'ospedale di Negrar l'Ortopedia veronese ai vertici in Italia

  • È di Stallavena il secondo panettone artigianale più buono d'Italia

  • Guai per una cooperativa: scovati 240 lavoratori irregolari e 7 in "nero"

  • Rapina finita nel sangue: chiude il centro del paese per ricostruire l'omicidio

  • McDonald’s: apre il ristorante di Bussolengo

Torna su
VeronaSera è in caricamento