Irregolare 33enne in Italia: resiste a un controllo della polizia e viene arrestato

Si tratta di un 33enne tunisino, ora condannato all'obbligo di firma per tre volte a settimana in attesa della prossima udienza del processo per "resistenza a Pubblico Ufficiale"

Volante della polizia sul luogo dell'arresto per resistenza a Pubblico Ufficiale

Nel pomeriggio di ieri, giovedì 31 gennaio, con l’accusa di "resistenza a Pubblico Ufficiale", un cittadino tunisino di 33 anni è stato arrestato dai poliziotti delle Volanti in Borgo Roma a Verona. Intorno alle 15, gli agenti mentre stavano percorrendo via Giuliari hanno deciso di fermare l'uomo per sottoporlo a un controllo. Il 33enne non era in possesso di alcun documento e ha così dichiarato di chiamarsi D. M. M. e di non avere un lavoro, né tantomeno una dimora fissa.

Le informazioni rese ai poliziotti, in netto contrasto con l’abbigliamento curato e con la somma di denaro che l'uomo fermato aveva con sé, hanno quindi destato dei sospetti negli agenti. Grazie ad un breve controllo nella banca dati della polizia, gli uomini della questura hanno potuto riscontrare immediatamente una nota di rintraccio a carico del 33enne. I poliziotti, dunque, hanno invitato l'uomo a salire a bordo dell’auto di servizio, spiegando la necessità di accompagnarlo presso gli uffici di polizia per la redazione degli atti connessi ad un procedimento pendente.  

A questo punto, D. M. si è dato alla fuga e, una volta raggiunto da uno degli agenti, ha opposto una strenua resistenza nel tentativo di divincolarsi e scappare. Con non poca fatica, l'uomo è stato bloccato ed arrestato infine per "resistenza a Pubblico Ufficiale". Il 33enne è stato quindi trattenuto all’interno delle camere di sicurezza della questura, in attesa del rito direttissimo fissato per venerdì mattina. Quest'oggi il giudice, dopo la convalida dell’arresto, ha disposto la misura dell’obbligo di firma per tre volte a settimana e rinviato l’udienza al prossimo 7 febbraio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • La vera storia di Santa Lucia, secondo la leggenda nata a Verona

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

Torna su
VeronaSera è in caricamento