Signora picchiata e rapinata in Corso Cavour: subito rintracciati e arrestati i responsabili

Grazie all'ottimo operato dei carabinieri i due malviventi autori della violenta rapina ai danni di una signora bresciana che passeggiava per il centro storico di Verona, sono stati prontamente identificati e condotti in carcere. Si tratta di due giovani cittadini albanesi

carabinieri in Corso Cavour a Verona

A tutti spaventa l’idea di esser picchiati, rapinati e derubati di ciò che di più caro si ha con sé. E forse per chiunque l’unico sollievo sarebbe, idealmente, che i soggetti capaci di tanta violenza e cattiveria, venissero immediatamente presi e portati in carcere. Purtroppo non sempre accade così, purtroppo le rapine vengono consumate in tempi talmente rapidi e fugaci che le vittime a stento riescono a guardare negli occhi chi sta facendo loro del male.

Eppure, questa mattina, per una signora bresciana del 1967, è andata diversamente. Intorno alle ore 7.15 la donna stava passeggiando da sola a Verona lungo Corso Cavour, quando da lontano ha notato due ragazzi che si stavano avvicinando a lei con fare sospetto. Da quel momento in poi è iniziato l’incubo: uno dei due giovani ha iniziato a darle dei pugni in testa, mentre l’altro la strattonava nel tentativo di portarle via la borsa.

La signora 51enne si è quindi accasciata a terra, dolorante, ma con la borsetta ancora sulla sua spalla. I due ragazzi hanno continuato a riempirla di botte, finché non sono riusciti a impossessarsi di ciò che avevano preso di mira sin dall’inizio, per poi allontanarsi a piedi correndo. La donna a quel punto è riuscita ad alzarsi e, su indicazione di un passante che aveva visto i carabinieri in una via poco distante, è corsa da loro a chiedere aiuto.

Immediatamente sono partite le ricerche da parte dei militari: ben sette autoradio hanno pattugliato la zona e le strade limitrofe a Corso Cavour e, infine, nei pressi della Stazione ferroviaria di Porta Nuova i carabinieri sono riusciti ad individuare due soggetti corrispondenti alla descrizione in precedenza fornita dalla vittima.

Una volta portati in caserma, perquisiti ed identificati, i due cittadini albanesi classe 1993 e 2000, entrambi incensurati e il più giovane ancora minorenne, sono stati trovati in possesso proprio del denaro rubato alla donna, del suo tablet e del portafogli. Nell'immediato sono stati entrambi tratti in arresto con l'accusa di rapina e sono stati portati presso il carcere di Montorio e il centro per minori di Treviso direttamente per la convalida. La donna, dopo le cure ricevute presso il pronto soccorso di Verona è stata giudicata guaribile in 15 giorni.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • Per fortuna ci sono le forze dell'ordine

  • Quanti giorni staranno dentro ?

  • Sarei per le frustate in piazza come a teheran

  • Foglio di via immediato !! A questo servirebbero le frontiere per impedire che delinquenti di ogni tipo abbiano la possibilità di ritornare !!

  • Se beccavano me classe 64 si prendevano una Pugnta da 14 cm!

  • Bastardi dovrebbero lasciarli in carcere e buttare via le chiavi...

  • La signora aveva 67 o 51 anni. Non si capisce

    • C’è scritto chiaramente che ne aveva 51...è nata nel 1967 fatti 2 calcoli...

Notizie di oggi

  • Attualità

    Giro d'Italia a Verona. Provvedimenti viabilistici e 9 mila posti gratuiti in Arena

  • Sport

    Viviani si ritira dal Giro d'Italia, non ci sarà per il gran finale di Verona

  • Cronaca

    Padre e figlio litigano e vengono alle mani: portato in ospedale il genitore

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 17 al 19 maggio 2019

  • I Ferragnez stupiscono ancora: Chiara Ferragni affitta l'intera struttura di Gardaland per il suo compleanno

  • Aereo precipita nell'Adige con 2 persone a bordo: salvate e portate in ospedale

  • Martedì al cinema con tre euro: ecco i film a disposizione questa settimana

  • Colpito dal braccio meccanico di un trattore, 50enne muore a Zimella

  • Pizzikotto pronto ad aprire a Verona: posti di lavoro ancora disponibili

Torna su
VeronaSera è in caricamento