Controllato due volte in mezz'ora, la seconda occasione spuntano 50 grammi di eroina

Arrestato dai carabinieri in via Roveggia a Verona un cittadino tunisino

Eroina - immagine di repertorio

Nella giornata di ieri, giovedì 7 febbraio, un cittadino tunisino è stato arrestato dai carabinieri in zona fiera a Verona con l'accusa di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. L'uomo, già noto alle forze dell'ordine e monitorato da tempo, dopo essere stato controllato una prima volta e trovato pulito, nell'arco di una mezz'ora è stato ricontrollato nuovamente in via Roveggia.

Nella seconda occasione, non appena avvistata la pattuglia dei militari, il cittadino tunisino ha mutato bruscamente la direzione della propria camminata, nel tentativo di evitare il controllo. Di fatto però, tale insolito atteggiamento ha insospettito i carabinieri che hanno quindi deciso di procedere ad una verifica. Non appena sceso dall'aliquota il capo equipaggio, il cittadino tunisino ha gettato a terra quella che si è poi rivelata essere dell'eroina, e se l'è data a gambe levate.

A quel punto, uno dei due militari ha recuperato la droga, circa 50 grammi di eroina "brown sugar", mentre l'altro carabiniere ha iniziato a rincorrere il fuggiasco fino a bloccarlo. L'uomo ha quindi opposto una certa resistenza, ma alla fine è stato bloccato ed arrestato, grazie anche all'intervento di un altro equipaggio dei militari, ironia della sorte, lo stesso che aveva svolto il primo controllo mezz'ora prima.  

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Divieti di sosta e transito per la Gensan Romeo&Giulietta Half Marathon

  • Attualità

    Foibe, l'evento dell'Anpi si è tenuto e per la Kersevan si cerca nuova sede

  • Cronaca

    Amadou Càmara, storia di una morte indifferente nella città dell'amore

  • WeekEnd

    Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 febbraio 2019

I più letti della settimana

  • "Adrian", spettacolo sospeso e polemiche. Casali: «Un fallimento, restituite il Camploy»

  • Tamponamento sull'A22 vicino a Rovereto, muore manager veronese

  • Dopo la condanna e la diffida, Lyoness si difende a annuncia un ricorso

  • Truffa dello specchietto. La Polizia Municipale mette in guardia i veronesi

  • Tra il lago di Garda e il Mincio, partono le ricerche del corpo di Brenda

  • Amadou Càmara, storia di una morte indifferente nella città dell'amore

Torna su
VeronaSera è in caricamento