Arrestata una nomade italiana dopo un tentato furto in abitazione a Valeggio

Il personale del Radiomobile dei Carabinieri di Peschiera ha tratto in arresto una 30enne nomade italiana, sorpresa nel tentativo di svaligiare una casa a Valeggio sul Mincio

Nel corso dei servizi finalizzati al controllo del territorio, prevenzione del fenomeno dei furti e dei reati predatori in genere, personale dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia dei Carabinieri di Peschiera del Garda ha proceduto nella giornata di ieri, 24 giugno 2016, all’arresto di una 30enne, nomade italiana, originaria di Legnago.

Quest'ultima si è resa responsabile del reato di furto in abitazione in concorso con altri due soggetti al momento non identificati. Nei fatti, i tre nel primo pomeriggio di ieri, a Valeggio s/M, Loc. Gobbini, approfittando della momentanea assenza dei proprietari di casa, hanno posto in essere un copione purtroppo già noto, introducendosi in casa mediante effrazione della porta d’ingresso, rovistando quindi in più stanze e impossessandosi di denaro, gioielli e delle chiavi di un’autovettura.

Questa volta il colpo non è andato a buon fine grazie al repentino intervento del personale del Radiomobile Carabinieri di Peschiera, messo in allarme da alcuni parenti delle vittime, avvedutisi in tempo di quello che stava accadendo. I tre ladri, vistisi scoperti, si sono dati a precipitosa fuga, lasciando indietro la donna che maldestramente tentava di sfuggire alla cattura nascondendosi in un cespuglio di rovi poco distante dall’abitazione. La stessa veniva quindi individuata dai militari intervenuti, bloccata e riconosciuta dai parenti delle vittime che li avevano poco prima notati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La refurtiva è stata recuperata e restituita agli aventi diritto. La donna, pregiudicata per reati analoghi, nullafacente è stata oggi condotta dinanzi al Tribunale di Verona, che ha convalidato l’arresto e disposto a suo carico gli arresti domiciliari a Cerea (VR) dove risiede. Accertamenti di Polizia Giudiziaria sono tuttora in corso, finalizzati all’identificazione e rintraccio dei complici dell’arrestata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Partire da Verona: le info utili per come raggiungere l'aeroporto

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 10 al 12 luglio 2020

  • Perde il controllo della moto, esce di strada e muore sulla Transpolesana

  • Focolaio di Covid-19 a Verona: marito ricoverato e famiglia messa in quarantena

  • Omicidio Micaela Bicego, trovata mannaia nello zainetto della vittima

  • Morte di Micaela Bicego, l'autopsia avvalora l'ipotesi del suicidio

Torna su
VeronaSera è in caricamento