Veronese violentata dopo una serata al Mascara, arrestato il branco

Gli arrestati hanno tra i 18 e i 23 anni, sono stati portati in carcere e accusati di violenza sessuale di gruppo, violenza privata, lesioni personali e furto

Carabinieri (Foto di repertorio)

Sono stati arrestati i cinque ragazzi ritenuti responsabili dello stupro di una 22enne della Bassa Veronese, avvenuto nella notte tra il 22 e il 23 giugno al termine di una serata che la ragazza aveva trascorso nella discoteca mantovana Mascara. Le indagini sono state svolte dai carabinieri del reparto investigativo di Mantova, e gli arresti sono stati eseguiti nelle province di Cremona, Reggio Emilia e Crotone, dai carabinieri di Mantova, con il supporto dei colleghi dei comandi locali e del 14esimo battaglione Calabria.

Gli arrestati hanno tra i 18 e i 23 anni, come riporta la Gazzetta di Mantova. Quattro hanno la residenza a Cutro, ma gravitano nel territorio reggiano, mentre il quinto è residente in provincia di Cremona. Tutti e cinque sono stati portati in carcere e sono stati accusati di violenza sessuale di gruppo, violenza privata, lesioni personali e furto.

Secondo la ricostruzione dei carabinieri, uno degli aggressori si era offerto di accompagnare a casa la vittima. Con la scusa di raggiungere l'auto parcheggiata, il giovane ha portato la ragazza in un luogo buio e isolato, vicino al parcheggio del locale. È lì che sarebbero spuntati i complici del ragazzo e che si è consumata la violenza. La 22enne, cui era stato sottratto il cellulare, è stata poi trasportata per una ventina di chilometri e lasciata dalle parti di Sorgà, nel Veronese. La ragazza poi ha dovuto raggiungere a piedi un locale pubblico poco distante per poter chiamare i soccorsi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vera storia di Santa Lucia, secondo la leggenda nata a Verona

  • "Strage di Santa Lucia" a Sommacampagna: il disastro aereo in località Poiane

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Nasce il nuovo polo logistico del Gruppo Veronesi: 200 i lavoratori impiegati

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

Torna su
VeronaSera è in caricamento