In auto con due chili di marijuana. Vengono traditi dall'odore e arrestati

Due nigeriani sono stati sorpresi dai carabinieri di San Martino Buon Albergo, vicino al casello di Verona Est, e portati in carcere. Denunciati anche due italiani, trovati anche loro in possesso di stupefacenti

La droga e il denaro sequestrati durante un'operazione dei carabinieri veronesi

I carabinieri della provincia di Verona continuano la loro attività di contrasto al traffico di sostanze stupefacenti

I militari di San Martino Buon Albergo hanno inflitto un duro colpo allo spaccio. Giovedì scorso, 14 maggio, durante un posto di controllo vicino al casello autostradale di Verona Est hanno fermato e controllato due uomini di origine nigeriana, uno residente a Lavagno e l'altro senza fissa dimora. L'atteggiamento del 43enne di Lavagno, le cui iniziali del nome sono A.S.O., ha insospettito i militari. L'uomo, infatti, è ben conosciuto e normalmente è sempre allegro e sorridente, mentre durante il controllo è apparso subito nervoso. Così i militari hanno approfondito il controllo ed hanno sentito all'interno della macchina un odore acre ed inconfondibile di marijuana. Durante la perquisizione del veicolo, sono saltati fuori due chili di stupefacente, sicuramente destinato a rifornire il mercato scaligero.
A.S.O. e il suo connazionale I.O., un 31enne con precedenti specifici, sono stati arrestati e portati in carcere a Vicenza dove sono rimasti anche dopo la convalida.

I carabinieri della radiomobile di San Bonifacio hanno, invece, sorpreso un giovane studente, il quale aveva con sé 15 grammi di marijuana, suddivisi e confezionati in dosi. Il giovane italiano è stato denunciato per detenzione ai fini di spaccio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, i militari di Monteforte D'Alpone hanno fermato e controllato un giovane italiano, trovandolo in possesso di 7 grammi di cocaina, suddivisi in dosi e già pronti ad essere venduti. Anche lui è stato denunciato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

  • Cardiologia di Verona verso il futuro: impiantato il primo pacemaker invisibile

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

  • Covid-19: un tampone positivo e un decesso nel Veronese, ma i dati restano positivi

Torna su
VeronaSera è in caricamento