Arresti e denunce per furti in casa e negli alberghi avvenuti anche in provincia di Verona

Maxi operazione della polizia di Trento che ha eseguito 3 arresti e denunciato 13 persone, le quali secondo gli inquirenti farebbero parte di una banda responsabile di ben 36 colpi da fine dicembre 2016 a inizio maggio 2017

Sono 17 le persone coinvolte a vario titolo nell'ambito dell'indagine della squadra mobile di Trento circa una presunta organizzazione criminale composta prevalentemente da cittadini italiani di origine sinti.

I reati contestati ai membri della banda sono quelli di furto in abitazione, ricettazione, evasione e danneggiamento. Nel complesso sono state eseguite 3 custodie cautelari in carcere, 17 perquisizioni domiciliari, mentre 13 sono i denunciati a piede libero e una persona risulta ancora latitante e ricercata.

L'operazione della polizia è scattata all'alba di giovedì 3 agosto ed ha permesso agli inquirenti di svelare un consistente giro di furti all'interno di alberghi ed appartamenti privati in diverse zone del Nord Italia, dalla Lombardia al Veneto e al Trentino. I colpi della banda, in particolare, hanno interessato anche le provincie di Brescia e Verona.

Da fine dicembre 2016 a inizio maggio 2017, la banda criminale avrebbe commesso secondo gli investigatori ben 36 furti ai danni di famiglie e strutture ricettive, approfittando anche dei festeggiamenti del Capodanno per commettere dei colpi in albergo nella nota località turistica Madonna di Campiglio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il dottor Claudio Zorzi dell'ospedale di Negrar l'Ortopedia veronese ai vertici in Italia

  • Operato a Verona, un paziente ringrazia: «Ho finalmente rivisto la luce»

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Guai per una cooperativa: scovati 240 lavoratori irregolari e 7 in "nero"

  • È di Stallavena il secondo panettone artigianale più buono d'Italia

  • Senza cinture al momento dello scontro: grave la bimba, indagata la madre

Torna su
VeronaSera è in caricamento