La Polizia trova armi, esplosivo e detonatori nel garage di un uomo morto

Ad avvisare la questura sono stati i parenti, dopo il ritrovamento di tre pistole: un divieto di detenzione di armi emesso a suo tempo dalla Prefettura, ha fatto poi scattare nuovi controlli, che hanno portato al ritrovamento

Un veronese, cultore ed appassionato d’armi da fuoco, è morto a 56 anni e quando i congiunti hanno fatto ordine nella camera da letto hanno trovato 3 pistole ed hanno avvertito della scoperta la Polizia di Stato, ovvero gli agenti della Polizia Amministativa – Ufficio Armi della Questura.
Gli operatori, arrivati all’interno dell’abitazione situata nel quartiere di Borgo Milano, hanno recuperato e sequestrato le armi, dal momento che le loro rispettive matricole erano abrase. Si tratta di una pistola marca Beretta mod. 34 cal. 9; una pistola marca Steyr mod. 1914 cal. 9 Steyr ed un revolver marca Smith & Wesson mod. 19-4 cal. .357 Mag.
Ulteriori accertamenti eseguiti sul 56enne defunto, hanno portato alla luce un provvedimento di divieto di detenzione di armi emesso dalla Prefettura nei suoi confronti. Una circostanza che spinto i poliziotti, d'intesa con i congiunti anziani dell'uomo scomparso, ad effettuare un controllo più approfondito che è avvenuto nel pomeriggio di mercoledì e che ha portato alla scoperta di un arsenale di armi, munizioni ed esplosivo, presente nel garage annesso all'abitazione. 

Diapositiva-2

Più precisamente sono stati rinvenuti: 

  • un razzo per bazooka USA b 88 mm (inerte);
  • una custodia per bombe da mortaio da 60 mm;
  • 3 contenitori con della polvere da lancio e un piccolo contenitore con inneschi per cartucce da caccia;
  • una latta contenete polvere da lancio,
  • 3 cilindretti di tritolo da 33 gr cadauno, 9 detonatori ordinari dell'8;
  • 4 nastri di cartucce calibro 7x57;
  • 1 bomba da fucile per esercitazione, 1 mina anti-uomo (inerte), 2 sicurezze di maneggio e trasporto per bombe da mortaio;
  • 1 Caricatore per fucile Automatico;
  • 4 matasse di miccia a lenta combustione;
  • Bomba da mortaio da esercitazione (inerte);
  • 4 capsule detonanti da trincea;
  • Codolo per bombe da mortaio;
  • Bossolo per proietto da artiglieria (con capsula attiva);
  • 1 mina anti-truppa a paletto (inerte);
  • 5 bombe da mortaio;
  • 10 bombe a mano;
  • 1 rivoltella matr.Z3138 calibro 10,35 mod. Bodeo;
  • 1 spoletta per bomba da mortaio (inerte);
  • 1 pistola scacciacani + parti d’armi;
  • 1 cartuccia cal. 14HE;
  • 1 atifizio lacrimogeno per lancio a mano;
  • vari detonatori a miccia;
  • varie cariche di lancio per bombe da mortaio;
  • varie parti di armi;
  • 1 saccetto contenente polvere da lancio e 2 sacchetti ed un contenitore contenenti cartucce di vari calibri;
  • 2 fucili mod. Balilla.

Diapositiva1-2

Considerata la quantità e la pericolosità del materiale bellico sul posto sono intervenuti i poliziotti della Scientifica e gli Artificieri in servizio presso la Polizia di Frontiera Aerea di Verona Villafranca. Questi ultimi, con le cautele del caso, hanno provveduto, su disposizine dell’autorità giudiziaria, a distruggere tutto il materiale sequestrato ad eccezione delle tre pistole con le matricole abrase allo scopo di risalire alla loro provenienza e l'eventuale illecito utilizzo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto "vola" su altre due vetture a Pescantina in un parcheggio: spunta l'ipotesi della rissa

  • Scavalca una siepe e vola sulle auto parcheggiate dall'altro lato nel piazzale

  • Investito da un treno a Balconi di Pescantina: caos e disagi in stazione

  • Nuovo autovelox in Tangenziale Nord, 366 multe nelle prime 12 ore

  • Quaterna fortunata messa a segno in provincia: vinti oltre 50 mila euro

  • Col furgone tampona mezzo pesante in A22, muore giovane veronese

Torna su
VeronaSera è in caricamento