Atv, approvato il bilancio 2016 con l'ok anche del nuovo socio Ferrovie Nord

L'azienda dei trasporti veronesi ha chiuso in utile per il quarto anno consecutivo. Aumenta l'acquisto di biglietti e abbonamenti e migliora la rete dei servizi

(Fonte foto Wikimedia)

La compravendita si è conclusa giusto in tempo per far partecipare il nuovo socio all'assemblea di Atv per l'approvazione del bilancio 2016. Il nuovo socio è Ferrovie Nord Milano, che ora attraverso Fnm Autoservizi detiene il 50% di Atv, mentre l'altra metà è in mano al Comune di Verona tramite Amt. I due proprietari dell'azienda dei trasporti veronesi hanno preso visione del bilancio dell'anno scorso e lo hanno approvato.

Nel 2016 e per il quarto anno consecutivo, Atv ha chiuso con un utile netto. Nel 2015 l'avanzo era stato di 1,6 milioni di euro, l'anno scorso si è fatto anche di meglio con un avanzo di 2,2 milioni di euro. Un risultato che ha soddisfatto tutti. "Ringrazio i soci per la fiducia e l'apprezzamento espresso - è stato il commento del presidente di Atv Massimo Bettarello - che rappresentano uno stimolo a proseguire con rinnovato impegno sul percorso di sviluppo imboccato dall'azienda, sviluppo che ora troverà sicuramente ulteriore slancio grazie all'ingresso del nuovo socio".

Entrando nelle pieghe del bilancio si scopre un aumento delle vendite dei titoli di viaggio: in un anno Atv ha aumentato la vendita di biglietti urbani del 10% e di extraurbani del 12%. Di oltre il 7% la crescita degli abbonamenti urbani e di quasi il 3% quella degli abbonamenti extraurbani. "L'attività di controllo sui passeggeri in salita da parte degli autisti e relativa vendita a bordo dei biglietti ha favorito un positivo cambiamento di mentalità nell'utenza - ha commentato il direttore generale Stefano Zaninelli - Grazie ai controlli infatti, i passeggeri infatti oggi sono indotti a munirsi di biglietto o abbonamento già prima di salire a bordo, con l'effetto di far lievitare le vendite anche sui canali tradizionali. L'entrata a regime del servizio di vendita a bordo si è rivelato comunque di straordinaria importanza in termini economici, con un aumento complessivo del valore di venduto sui mezzi di oltre 650 mila euro, pari al 29,5% in più rispetto al 2015".

Aumentano anche i costi, ma di poco. Neanche l'1% rispetto a quelli sostenuti nel 2015. L'aumento delle spese più evidente è quello per il personale, a seguito di 100 nuove assunzioni tra autisti, meccanici e personale amministrativo.

Migliorata la rete dei servizi di trasporto. "Tra i principali interventi sulla rete cittadina - precisa il direttore generale Zaninelli - ha trovato attuazione la revisione delle linee festive, con l'intensificazione delle frequenze sulle direttrici nord-sud ed est-ovest. La rete extraurbana ha visto il rafforzamento del servizio in Valpolicella, quello per Legnago ed il consolidamento del servizio estivo rivolto ai turisti sul Lago di Garda. E proprio in merito al Lago di Garda sono da sottolineare gli ottimi risultati delle politiche di sviluppo del servizio attivate negli ultimi tre anni a favore del sistema di trasporto nel bacino del Benaco, che nel 2016 ha fatto registrare un ulteriore aumento di fatturato di ben 324 mila euro".

Inoltre, tra gli obiettivi di rilievo raggiunti nel 2016 c'è l'aggiudicazione da parte di Atv della gara indetta da Atvo per la ricerca di un nuovo socio. "Un risultato - ha commentato il presidente Bettarello - che abbiamo perseguito con determinazione e che ci rende particolarmente orgogliosi perchè dimostra ancora una volta la qualità e la competitività del sistema delle aziende pubbliche veronesi, che sono in grado di esportare anche sui mercati al di fuori dei nostri confini il proprio know how".

Infine, il tema del rinnovo del parco autobus. "L'investimento di 12 milioni attuato nel corso degli ultimi 3 anni - evidenzia il presidente di Atv - ci ha permesso di inserire nella flotta 58 nuovi bus ecologici, tanto da poter considerare oggi Verona come la città più metanizzata d'Italia, grazie al parco di 110 autobus urbani a gas naturale che coprono l'85 per cento del servizio urbano. Resta tuttavia prioritario l'obiettivo di abbassare l'età media dei mezzi circolanti, assolutamente necessario per assicurare un servizio di trasporto competitivo, anche in termini di standard di sicurezza e comfort".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Verona usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vera storia di Santa Lucia, secondo la leggenda nata a Verona

  • "Strage di Santa Lucia" a Sommacampagna: il disastro aereo in località Poiane

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Nasce il nuovo polo logistico del Gruppo Veronesi: 200 i lavoratori impiegati

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

Torna su
VeronaSera è in caricamento