Sequestrata un ingente quantità d'armi all'anziano che aveva sparato alla gatta

Gli Agenti del Corpo Forestale durante le indagini a San Pietro in Cariano hanno rinvenuto un vero e proprio arsenale, all'interno dell'abitazione dell'ottantenne che aveva brutalmente ucciso una gattina

La notizia del triste episodio risale a ieri giovedì 10 settembre: un uomo sull'ottantina aveva prima sparato e poi calpestato con violenza un'innocua gattina, rea di aver graffiato un telo nell'orto del signore. La denuncia era partita alla Lav e alle autorità, grazie a dei testimoni che avevano assistito al fatto.

Le indagini svolte in questi giorni dai membri della Forestale, così come riferisce l'Arena, hanno portato a una sorprendente scoperta: nell'abitazione dell'anziano di San Pietro in Cariano sono infatti state rinvenute ben 70 cartucce, sei proiettili a palla e sei fucili da caccia. Una riserva d'armi impressionante per un singolo individuo. Il tutto è stato immediatamente posto sotto sequestro dagli Agenti del Corpo forestale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: l'Esu di Verona chiude «aule studio, ristoranti e zone pertinenti»

  • Morto a 53anni sulla A22: forse un colpo di sonno la causa dello schianto

  • Coronavirus. Dopo il chiarimento della Regione, ecco cosa è ammesso a Verona e cosa no

  • Musicista torna in Molise da Verona: «Per il coronavirus, prevenzione bassa»

  • Lessinia e Valpantena, ci sono offerte di lavoro ma sono senza risposta

  • Auto si schianta contro un tir sulla A22: perde la vita un uomo di 53 anni

Torna su
VeronaSera è in caricamento