Gardaland, allerta terrorismo. Su un'attrazione un messaggio minaccioso

"A morte gli occidentali. Prima o poi vi faremo sparire tutti". Suonava più o meno così il biglietto trovato nel parco divertimenti a luglio. Scattata la risposta delle forze dell'ordine

"A morte gli occidentali. Prima o poi vi faremo sparire tutti". Suonava più o meno così il biglietto trovato appeso in un'attrazione di Gardaland a luglio. Era scritto in pashtu, la lingua ufficiale dell'Afghanistan, e le telecamere di sorveglianza hanno ripreso la donna che lo ha appeso. Non è stato possibile identificarla però perché il suo volto era coperto.

La notizia è trapelata recentemente ed è stata riportata da Alessandra Vaccari sul L'Arena. Ad accorgersi del foglio appeso è stato un dipendente di Gardaland, che si è rivolto alla sicurezza. Solo dopo che la scritta è stata tradotta sono state avvisate le forze dell'ordine, che nei giorni successivi si sono riunite per organizzare una risposta a questa ipotetica minaccia. All'ingresso del parco divertimenti sono così apparse periodicamente alcune pattuglie specializzate della polizia e dei carabinieri.

Guardia alta dunque nella città di Verona, dove fino a ottobre resteranno posizionate le barriere a protezione di possibili attacchi attraverso auto o furgoni come accaduto recentemente sulla Rambla di BarcellonaMa anche in altri luoghi della provincia scaligera in cui la concentrazione di cittadini e turisti è alta. E Gardaland potrebbe essere un bersaglio dei terroristi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Una città intera in lutto: si è spento Roberto Puliero e Verona perde la sua voce

  • Maltempo a Illasi: «Situazione ancora critica, preoccupa il livello del Progno»

  • È di Stallavena il secondo panettone artigianale più buono d'Italia

  • McDonald’s: apre il ristorante di Bussolengo

  • Madre e figlia dirette a Londra arrestate all'aeroporto Catullo dalla polizia

Torna su
VeronaSera è in caricamento