L'allarme di casa suona e pensa ad un guasto, invece si trova davanti tre banditi

Una donna di 44 anni è stata costretta ad aprire la cassaforte ai tre ladri che si trovata davanti poco dopo le 23. Essendo le stessa in casa, quando ha sentito la sirena dell'antifurto in un primo momenti ha pensato ad un errore

Pensava si trattasse di un malfunzionamento ma invece non era così e si è trovata davanti i tre banditi, che l'hanno costretta a consegnargli i gioielli. 
Erano le 23.15 circa di ieri sera a Bovolone, quando in un'abitazione di via Campagne è scattata la sirena dell'antifurto. All'interno una donna, classe 1971, residente nella casa. Il suo primo pensiero è stato quello di un'errore del dispositivo, ma non era così: quando ha fatto il giro dell'abitazione si è trovata davanti a tre sconosciuti che hanno iniziato a minacciarla verbalmente. 
Spaventata la donna ha ceduto alle loro richieste e gli ha aperto la cassaforte dalla quale hanno prelevato tutto il contenuto: circa 4000 euro in gioielli, per poi fuggire. A qul punto la 44enne ha avvisato i carabinieri, che ora indagano sulla vicenda. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nel Veronese le persone "positive" sfiorano le 1800 unità

  • A Verona 5 nuovi morti positivi al coronavirus: crescono a 514 i ricoveri, di cui 103 in intensiva 

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus a Verona: toccata quota 100 ricoveri in intensiva

  • Altri 81 casi positivi al coronavirus nel Veronese, sono saliti a 1.228

  • «Focolaio di Coronavirus nel carcere di Verona: una quindicina di agenti positivi»

  • In Veneto 125 minorenni positivi al coronavirus, 18 sono veronesi

Torna su
VeronaSera è in caricamento