Al via i lavori di recupero della torre di Castelvecchio

La fine dei lavori prevista tra circa un anno, l'area verr destinata all'archivio di Carlo Scarpa

Al via i lavori di recupero della torre di Castelvecchio
Sono iniziati in questi i giorni i lavori relativi al restauro della torre sud-est del museo di Castelvecchio, costituita da cinque piani, che sarà destinata a sezione veronese dell’archivio Carlo Scarpa. Il progetto di recupero è stato presentato dall’assessore ai Lavori pubblici Vittorio Di Dio, che questa mattina si è recato in sopralluogo al Castello per verificare lo stato dell’opera. Era presente la direttrice dei Musei civici Paola Marini.

L’importo complessivo dell’intervento ammonta a 656mila 600 euro, di cui 300mila finanziati dalla Regione in base alla legge regionale per la “Valorizzazione dell’opera di Carlo Scarpa”. La fine dei lavori è prevista tra circa un anno. “Un intervento importante – spiega Di Dio – che pone fine alla campagna di recupero degli spazi verticali del Castello iniziata nel 1995 e portata avanti dall’attuale Amministrazione comunale. Dal 2007 a oggi – ricorda l’assessore – sono stati ripristinati e aperti al pubblico i camminamenti occidentale e meridionale, e restaurata la torre dell’Orologio. Il progetto di restauro, oltre che essere necessario per adeguare il Castello alle normative vigenti – conclude Di Dio – renderà anche più funzionali gli spazi per le attività di studio e documentazione del Museo”.

Il restauro prevede interventi di miglioramento e consolidamento strutturale in tutti e cinque i piani della torre (eccetto il piano terra e il piano interrato), con utilizzo di travi lignee e inserimento di fibre di carbonio su alcuni solai; tutti gli spazi della torre saranno dotati di impianti adeguati alle destinazioni d’uso e conformi alle norme vigenti; nella parte esterna della torre saranno realizzati interventi di pulitura e ripristino delle decorazioni in armonia con le parti già restaurate.

“Il recupero di questa parte di Castelvecchio – precisa l’assessore alla Cultura Erminia Perbellini – è promosso nell’ambito delle attività del Comitato paritetico di studio per la conoscenza e la promozione del patrimonio culturale legato a Carlo Scarpa e alla sua presenza nel Veneto. Grazie anche al contributo della Regione – aggiunge l’assessore – nella torre del Castello saranno collocate le opere dell’architetto Carlo Scarpa, al quale si devono i restauri condotti dal 1958 al 1975, con un archivio che ospiterà i mille disegni di proprietà del Museo e parte di quelli acquistati dalla Regione.  Un progetto quindi – conclude l’assessore alla Cultura – che si inserisce nel disegno complessivo di recupero del Museo e che, oltre a potenziare l’offerta turistico-culturale della nostra città, contribuirà a far ulteriormente conoscere ed apprezzare l’architettura di Carlo Scarpa”.  
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • Cardiologia di Verona verso il futuro: impiantato il primo pacemaker invisibile

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

  • Covid-19: un tampone positivo e un decesso nel Veronese, ma i dati restano positivi

Torna su
VeronaSera è in caricamento