Nuovi richiedenti asilo ospitati tra Verona e provincia. Imminenti altri arrivi

Tredici sono stati destinati al capoluogo, gli altri distribuiti tra Tregnago, Sanguinetto e Povegliano. I prossimi invece andranno nella bassa, a Legnago e Cerea

Non si sa se ha influire è stata l'accesa contrarietà dei cittadini, oppure se la loro è stata una protesta ingiustificata perché l'accoglienza dei profughi nel loro territorio non era ancora prevista. Fatto sta che né a Dolcè né a Pescantina sono stati alloggiati i profughi da poco arrivati nel territorio veronese. Tra questi richiedenti asilo, ci sono venti donne a cui è stata data sistemazione a Tregnago, nonostante l'opposizione della Lega Nord.

Il quotidiano locale L'Arena ha tracciato la mappa dei nuovi arrivi. Oltre alle richiedenti asilo a Tregnago, ci sono altri trenta stranieri richiedenti protezione internazionale ospitati a Sanguinetto, altri tredici a Verona e otto a Povegliano. Imminente infine l'arrivo di altri profughi a Legnago e Cerea.

Possono sembrare tanti, ma la capacità del territorio scaligero di ospitare i profughi è superiore e non è ancora esaurita. Tanti infatti ancora i posti messi a disposizione della Prefettura per questa emergenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: l'Esu di Verona chiude «aule studio, ristoranti e zone pertinenti»

  • Incidente e incendio, un camion va a fuoco: traffico in tilt sulla tangenziale sud

  • Musicista torna in Molise da Verona: «Per il coronavirus, prevenzione bassa»

  • Cambia la viabilità di Verona per il Venerdì Gnocolar: ecco i provvedimenti

  • Lessinia e Valpantena, ci sono offerte di lavoro ma sono senza risposta

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 21 al 23 febbraio 2020

Torna su
VeronaSera è in caricamento