Gare clandestine e incidenti. Raccolte 300 firme per la provinciale delle Mire

I cittadini della Val Squaranto chiedono maggiori controlli e più manutenzione. Nei fine settimana la strada è percorsa da piloti che ignorano i limiti di velocità e il codice della strada

Chiedono più controlli sulla strada che collega Montorio alla Lessinia, la provinciale 35 "delle Mire", segnaletica verticale e orizzontale che allerti sui pericoli della strada e che tuteli i pedoni e il miglioramento o l'inserimento di dispositivi di sicurezza per gli utenti della strada come i guard rail o le banchine.

Sono più di 300, a quanto scrive L'Arena, i cittadini che hanno sottoscritto una serie di richieste avanzate a Comune, Provincia, Ottava circoscrizione e polizia municipale. Il problema più evidente per i residenti della Val Squaranto si verifica nel fine settimana quando la strada provinciale viene usata per delle improvvisate gare che mettono a rischio l'incolumità degli utenti deboli della strada, perché i piloti di queste corse abusive risalgono la strada, ignorando limiti di velocità e codice della strada.

Per questo sono stati chiesti maggiori controlli. Serve però anche manutenzione perché i tornanti sono stretti e la vegetazione è poco curata, questo provoca spesso incidenti tra i veicoli e scontri con animali selvatici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: l'Esu di Verona chiude «aule studio, ristoranti e zone pertinenti»

  • Morto a 53anni sulla A22: forse un colpo di sonno la causa dello schianto

  • Coronavirus. Dopo il chiarimento della Regione, ecco cosa è ammesso a Verona e cosa no

  • Musicista torna in Molise da Verona: «Per il coronavirus, prevenzione bassa»

  • Lessinia e Valpantena, ci sono offerte di lavoro ma sono senza risposta

  • Auto si schianta contro un tir sulla A22: perde la vita un uomo di 53 anni

Torna su
VeronaSera è in caricamento