Usate per furti e rapine, 1600 auto sequestrate e 10 arresti: 5 nel Veronese

Il blitz dei carabinieri del Comando provinciale di Venezia è scattato all'alba di giovedì: il parco auto ha un valore stimato di circa 13 milioni di euro e i sequestri sono stati eseguiti anche al di fuori dei confini nazionali

Un'immagine delle indagini condotte dai carabinieri: il furto di un rolex da 40 mila euro avvenuto in un distributore di San Giovanni Lupatoto

Le auto servivano soprattutto a compiere rapine e furti con destrezza, in particolar modo ai danni di anziani con la classica "tecnica dell'abbraccio". I carabinieri del Comando provinciale di Venezia, nella mattinata di giovedì, hanno eseguito il sequestro di un parco di 1600 automobili e messo le manette ai polsi a 10 persone appartenenti ad una minoranza rom romena, tra cui un minorenne.

La specialità: furti con strappo

Gli investigatori hanno ricostruito 102 furti/rapine messi a segno un po' ovunque: Jesolo, Caorle, Venezia, Chioggia, altri a Treviso, Padova e Verona; e ancora in varie province della Lombardia, Emilia Romagna, Toscana e Marche. Gli indagati appartengono a diversi clan familiari collegati tra loro e in grado di muoversi velocemente tra i vari paesi europei. In molti casi alloggiavano in motel o bed & breakfast. Al momento di mettere a segno i furti, erano quasi sempre le donne a entrare materialmente in azione. Individuata la vittima, la avvicinavano con varie scuse: per chiedere informazioni, oppure per salutarla e abbracciarla, fingendo di conoscerla; o ancora, per offrire prestazioni sessuali. Dopodiché puntavano a gioielli o orologi di valore e, in caso di resistenza, ricorrevano alla forza. Gli uomini le aspettavano in macchina, pronti alla fuga. In altri casi mettevano a segno "semplici" furti in gioiellerie e negozi vari, grazie alla loro abilità nel distrarre i commessi.

Automobili per 13 milioni di euro

Di un valore stimato intorno ai 13 milioni di euro, i veicoli erano intestati a 6 prestanome di nazionalità romena, responsabili a vario titolo del reato di "falsità in atti mediante induzione in errore". Le auto sono state sequestrate in Italia e all'estero (Romania, Spagna, Germania, Francia, Bulgaria, Austria, Svizzera, Ungheria e Polonia). Il blitz dei militari è la prosecuzione di un’attività investigativa nei confronti di una banda composta da oltre 40 criminali, appartenenti a minoranza rom romena, che ha consentito ai carabinieri di eseguire 10 ordinanze di custodia cautelare, emesse dai gip di Venezia e Verona, nonchè del Tribunale per i minorenni di Venezia: 8 soggetti, tra i quali un minore, si trovano ora in carcere, uno è stato ristretto agli arresti domiciliari, mentre per un altro è scattato il divieto di dimora. 
Delle 9 persone finite agli arresti, 5 risultano residenti in provincia di Verona. 

Due grossi colpi messi a segno a Verona

Arresti tra Spagna e Inghilterra

Alcune delle persone finite in manette sono state fermate negli ultimi giorni in Spagna e Inghilterra su mandato di arresto europeo, con la collaborazione delle forze di polizia estere, attivate tramite cooperazione Europol. È stata accertata la responsabilità in almeno 102 episodi delittuosi, commessi nelle regioni del centro e nord Italia, lungo gli assi autostradali, e in Spagna. Gli indagati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di "concorso in rapina, furto con strappo, furto aggravato".

Il plauso del governatore

«Leggere di quali reati sono accusati gli indagati per gli episodi accertati - ha commentato il presidente della Regione Luca Zaia - sembra di sfogliare buona parte del codice penale. Quello che provoca più indignazione è un’attività criminale che nella maggior parte dei casi sembra essere fatta di furti, rapine, sottrazioni con raggiro ai danni dei nostri anziani. Ringrazio i carabinieri di Venezia, la magistratura inquirente e tutte le forze dell’ordine che, anche a livello internazionale con l’Europol, hanno collaborato a questa vasta operazione si meritano meritandosi il plauso di tutti i veneti per bene. Un’operazione così vasta restituisce alla giustizia gente senza scrupoli che opera ai danni delle nostre comunità che, invece, chiedono di vivere in pace e senza delinquenti».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • Cardiologia di Verona verso il futuro: impiantato il primo pacemaker invisibile

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

  • Covid-19: un tampone positivo e un decesso nel Veronese, ma i dati restano positivi

  • 'Ndrangheta a Verona, blitz della polizia: 23 arresti e 3 obblighi di firma

Torna su
VeronaSera è in caricamento