Verona non è un comune efficiente per l'Osservatorio sui conti pubblici

L'istituto diretto da Carlo Cottarelli ha confrontato spesa e qualità dei servizi offerti di 52 grandi capoluoghi italiani, ricavando degli indici che possono essere positivi o negativi. L'unico negativo del Veneto è quello di Verona

Palazzo Barbieri (Foto di repertorio)

L'Osservatorio sui conti pubblici italiani dell'Università Cattolica del Sacro Cuore, diretta da Carlo Cottarelli, ha pubblicato ieri, 22 maggio, uno studio sull'efficienza dei comuni nelle regioni a statuto ordinario. Come spiegato dal direttore dell'Osservatorio in un tweet e come specificato anche nella metodologia dello studio, attraverso il confronto tra la spesa sostenuta dalle amministrazioni comunali e i servizi offerti, è stato ricavato un indice di efficenza che può essere positivo o negativo. Più questo indice è positivo, più il comune è efficente e quindi usa bene i soldi dei cittadini, riuscendo ad offrire più servizi contenendo le spese.

Questa è la classifica stilata dall'Osservatorio sui conti pubblici italiani, tenendo conto che i dati raccolti si riferiscono al 2016.

performance-comuni-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il comune più efficente d'Italia risulta essere Pisa perché con una spesa di poco superiore allo standard offre servizi in quantità molto superiore alla media per una città delle sue dimensioni. Seguono Parma e il primo comune veneto in questa graduatoria che è Padova.
Tra i capoluoghi veneti, mancano i due più piccoli perché la classifica prende in considerazione solo le città con più di 80mila abitanti. Rimangono dunque cinque capoluoghi del Veneto: Padova è addirittura sul podio e l'indice di efficenza è positivo anche per Treviso, Vicenza e Venezia. L'unica città veneta in negativo è Verona, che dunque non è un comune efficente secondo l'Osservatorio diretto da Cottarelli. Verona ha infatti un indice di spesa superiore allo standard e una qualità dei servizi offerti inferiore alla media.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

Torna su
VeronaSera è in caricamento