In Veneto uno studente su dieci lascia la scuola prima di prendere il diploma

«Il sistema scolastico veneto si posiziona ai primissimi posti nell’ultimo rapporto nazionale sulla dispersione scolastica», ha detto con soddisfazione il presidente della Regione, Luca Zaia

Immagine generica

«Il sistema scolastico veneto si posiziona ai primissimi posti nell’ultimo rapporto nazionale sulla dispersione scolastica, meglio della provincia autonoma di Bolzano e della Lombardia. In Italia due studenti su 10 non arrivano al diploma perché lasciano i banchi prima del tempo. In Veneto la percentuale è dimezzata, uno su dieci. Meglio di noi solo la provincia di Trento, con il 9.6 dei giovani che abbandonano la scuola o perdono più di un anno».
Il presidente della regione Veneto Luca Zaia sottolinea con soddisfazione la classifica dell’istituto Invalsi, divulgata dal Sole 24 Ore.

Un buon risultato per il Veneto, tutt’altro che scontato, visto che storicamente siamo stati una regione contadina e manifatturiera, con il minor tasso di laureati e di diplomati in rapporto alle altre regioni europee - ricorda Zaia -. Se oggi il Veneto registra contemporaneamente il minor tasso di dispersione scolastica e la più bassa percentuale di disoccupazione giovanile – prosegue il presidente – significa che scuola, istituzioni e mondo del lavoro hanno saputo costruire una sana alleanza e lavorare al meglio per accompagnare ragazzi e famiglie nel percorso di orientamento e di scelta, tenendo conto delle attitudini dei ragazzi ma anche delle richieste del mondo del lavoro.
Lo scorso anno, lo ricordo, 40 studenti di terza media su 100 hanno scelto di iscriversi ad un istituto tecnico, in media circa il 10 % in più rispetto alla percentuale nazionale – aggiunta Zaia –. Ciò non significa che in Veneto non ci siano ottimi licei, con brillanti risultati, ma che abbiamo un sistema educativo regionale maturo e consapevole che riesce ad offrire ai nostri ragazzi un ventaglio di valide opportunità formative, dagli istituti professionali di Stato ai centri di formazione professionali, ai percorsi formativi in partnership con le associazioni di categoria. Tutti percorsi costruiti ‘su misura’ per far incontrare abilità e aspettative dei giovani con le richieste di competenze delle aziende di oggi e di domani.
Credo che anche su questo l’esperienza del Veneto, che ogni anno da decenni investe decine di milioni di euro del proprio bilancio per i centri di formazione professionale, per favorire l’alternanza scuola-lavoro e per una rete capillare di iniziative territoriali di orientamento e accompagnamento al lavoro – conclude Zaia – possa fare scuola in Italia. In Paese che vuole crescere e guardare al futuro non può permettersi di perdere per strada la propria gioventù.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La città di Verona con le sue inestimabili meraviglie diventa protagonista in tv sulla Rai

  • A Verona la migliore escort dell'anno 2019: «Prima facevo l'aiuto cuoco»

  • Vince 75mila euro a L'Eredità e si taglia i capelli con Flavio Insinna

  • Possibili rischi per la salute, ritirato formaggio prodotto a Cerea

  • Omicidio a Verona: ammazza una 51enne e confessa due giorni dopo

  • Donna morta annegata nella Bassa veronese: recuperato il cadavere

Torna su
VeronaSera è in caricamento