Tav, aleggia l'ipotesi referendum. D'Arienzo (PD): «Assurdità ipocrita»

Il senatore veronese: «Un'opera simile coinvolge il futuro di tutta l'Italia e in parlamento c'è una netta maggioranza a favore». E alla manifestazione di sabato a Torino, presenti i Sì Tav veneti

I Sì Tav veneti in piazza Castello a Torino (Foto Facebook - Veneto SìTav)

Il solito balletto di cifre che segue ogni manifestazione si è ripetuto anche dopo il secondo ritrovo dei favorevoli alla Tav che si è tenuto sabato scorso, 12 gennaio, in piazza Castello a Torino. Si parla comunque di almeno 10mila persone (30mila per gli organizzatori) e tra queste anche quelle venute dal Veneto. Come annunciato, il Comitato infrastrutture veneto (Civ) è sceso in piazza Castello per dire: «Sì alla Tav, sì al lavoro, sì al futuro, perché le infrastrutture sono fondamentali per lo sviluppo del Paese», per voce di Germano Zanini, coordinatore del comitato.

E mentre si attende ancora la pubblicazione dei risultati sull'analisi costi-benefici dell'Alta Velocità, consegnata al ministro delle infrastrutture Danilo Toninelli, si è fatta strada l'idea di un referendum per la Tav. Un consultazione popolare che per il Partito Democratico è soltanto un velo usato per nascondere una palese divisione interna al governo gialloverde. Il Movimento 5 Stelle e la Lega governano insieme, ma il M5S è contro la Tav, mentre la Lega è a favore e lo ha dimostrato anche sabato con la presenza di alcuni esponenti a Torino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il referendum sulla Tav è un'ipocrita assurdità - ha commentato il senatore veronese del PD Vincenzo D'Arienzo - A che serve rivolgersi ai cittadini per decidere una cosa che può benissimo decidere il governo o il parlamento? Un'opera simile coinvolge il futuro di tutta l'Italia e in parlamento c'è una netta maggioranza a favore. Votiamo se farla o meno e ognuno si assuma la propria responsabilità. Spostare i propri problemi sui cittadini è solo ipocrisia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • Cardiologia di Verona verso il futuro: impiantato il primo pacemaker invisibile

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

  • Covid-19: un tampone positivo e un decesso nel Veronese, ma i dati restano positivi

  • 'Ndrangheta a Verona, blitz della polizia: 23 arresti e 3 obblighi di firma

Torna su
VeronaSera è in caricamento