"Schermi d'amore", parla il direttore artistico: «Puntiamo sui giovani, pubblico del futuro»

In programma 35 pellicole in lingua originale con sottotitoli in italiano

Il direttore artistico del Film Festival "Schermi d'amore" Paolo Romano - foto frame Facebook "Schermi d'amore"

Parte martedì prossimo, con una serata su invito, la kermesse cinematografica "Schermi d’amore", dopo quasi dieci anni di interruzione. Il festival propone, dal 12 al 19 febbraio al Teatro Ristori, 35 pellicole in lingua originale con sottotitoli in italiano, suddivise in quattro sezioni tematiche. Ospite d’onore della kermesse, il celebre regista Claude Lelouch, che il 19 febbraio, serata conclusiva del Festival, riceverà il premio "Schermi d’amore 2019".

Il programma prevede: prima sezione quella dedicata al “Passato/Presente”, un viaggio nel tempo che propone 14 titoli, di cui 9 inediti e 5 restaurati. “Amori impossibili nel cinema fantastico” è invece la categoria che prende ispirazione dal film premio Oscar 2018 “La forma dell’acqua”, proponendo una riflessione sulle storie d’amore tra creature fantastiche ed esseri umani. La vocazione operistica di Verona è alla base di “Tutte le Carmen del mondo”, sezione che riprende il mito della zingara ribelle in varie forme. Infine, con la categoria “Amori in corto”, saranno proposti otto cortometraggi d’autore, tutti accomunati da diverse rappresentazioni sulla forza dell’amore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Il video messaggio di Paolo Romano, direttore artistico del Film Festival "Schermi d'amore" 

Per assistere alle proiezioni è possibile acquistare un biglietto singolo, al costo di 6 euro (ridotto 4 euro), o effettuare un abbonamento di tipo giornaliero, al costo di 10 euro, o di 40 euro per la rassegna completa.

Gli inviti per la prima proiezione del 12 febbraio possono essere ritirati all’Ufficio Verona Film Festival, al Centro Audiovisivi della Biblioteca Civica, al Teatro Ristori e al Box Office. La manifestazione è organizzata dal Comune di Verona – Verona Film Festival in collaborazione con il Circolo del Cinema, la Fondazione Cariverona, Agsm e Ippogrifo Produzioni. Il programma completo e gli orari possono essere consultati sul sito ufficiaale www.schermidamore.it.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

  • Cardiologia di Verona verso il futuro: impiantato il primo pacemaker invisibile

  • Covid-19: un tampone positivo e un decesso nel Veronese, ma i dati restano positivi

Torna su
VeronaSera è in caricamento