Sboarina visita Aptuit: «Centro di ricerche che dà lustro a Verona»

La visita è stata l'occasione per incontrare l'amministratore delegato dell'azienda Ciriaco Maraschiello e il direttore finanziario Flavia Cottini. Presente anche il direttore generale di Confindustria Verona Rita Carisano

Sboarina insieme a Carisano e Maraschiello

Visita istituzionale del sindaco Federico Sboarina ad Aptuit, centro ricerche del gruppo Evotec, in via Fleming a Verona. La visita è stata l'occasione per incontrare l'amministratore delegato dell'azienda, nonché responsabile globale dello sviluppo del farmaco, Ciriaco Maraschiello e il direttore finanziario Flavia Cottini. All'incontro ha preso parte anche il direttore generale di Confindustria Verona Rita Carisano.

Aptuit, che nel 2010 aveva rilevato il centro ricerche di Gsk, è stata a sua volta acquisita dalla multinazionale tedesca Evotec nel 2017 e, oggi, il centro ricerche scaligero rappresenta un'eccellenza della ricerca a livello mondiale del gruppo. Aptuit Verona costituisce una delle più importanti realtà dedicate alla ricerca e alla sperimentazione di nuovi farmaci e anche alla produzione dei nuovi medicinali. Il centro di Verona, infatti, grazie ai propri laboratori, dotati delle più moderne tecnologie, svolge attività di ricerca su commessa in collaborazione con oltre 200 aziende del farmaco in tutto il mondo.
Attualmente lavorano al centro Aptuit di Verona più di 650 persone. E i piani di sviluppo dell'azienda prevedono di continuare a investire per potenziare e far crescere il sito veronese, con l'obiettivo per il 2020 di arrivare a 800 addetti.

Ho visitato con grande piacere i laboratori Aptuit e ho verificato il livello d'eccellenza raggiunto - ha detto il sindaco Sboarina - È un grande privilegio per la nostra città poter vantare una realtà scientifica e tecnologica di questa importanza dato che non ha pari in Italia. Io stesso non ero a conoscenza dei molti passi avanti compiuti dal 2010 ad oggi e ritengo che sia un'eccellenza da far conoscere ai veronesi e non solo. Impegnarci per farne comprendere il valore anche al di fuori di Verona deve essere un obiettivo condiviso. È importante che i decisori politici in questo delicato settore sanitario comprendano la valenza strategica di questo centro all'avanguardia. Sarà mio impegno creare le condizioni affinché siano garantiti sviluppo e competitività a un centro che svolge un grande ruolo e che dà lustro scientifico a Verona.

«Siamo onorati della visita del sindaco della città di Verona, in cui Aptuit ha saputo realizzare un turnaround aziendale di successo, partendo da una situazione di grande criticità - ha aggiunto Maraschiello - Il nostro centro è conosciuto per le sue eccellenze scientifiche e le attività di ricerca in aree importantissime, quali per esempio la ricerca di nuovi antibiotici per combattere le resistenze batteriche che stanno diventando uno dei più grandi problemi sanitari del futuro. Certamente poter operare in una città attraente come Verona ci consente anche di poter ospitare con grande orgoglio i nostri collaboratori e clienti di tutto il mondo. Continueremo a collaborare con soddisfazione e sempre maggior impegno con la comunità locale, le scuole e l’università del nostro territorio».

Potrebbe interessarti

  • Capelli verdi dopo il bagno in piscina? Ecco le cause e i rimedi fai da te

  • I 7 segreti per un'abbronzatura perfetta anche dopo le vacanze

  • Abito sottoveste: il capo must have che non passa mai di moda

  • "Benvenuto": il nuovo vademecum su come affrontare i primi due anni del bebè

I più letti della settimana

  • Una meteora solca i cieli di Verona: il video girato a Borgo Trento

  • Jeremy Wade pronto a svelare il mistero di "Bennie", il mostro del lago di Garda

  • Turismo a Verona, Tosi: «In calo. L'assessore Briani ammetta le sue colpe»

  • Maestre diplomate ma non laureate, a Verona centinaia rischiano il posto

  • Frontale tra auto sul lago: morta una persona e altre due rimaste ferite

  • La donna non cede al ricatto e lui pubblica sui social le sue immagini "hot"

Torna su
VeronaSera è in caricamento