Cucina tradizionale, étoile della danza e spettacoli alla Sagra de l’Anara Pitanara

La manifestazione si terrà a Tarmassia dal 4 al 10 settembre ed è stata presentata con tutto il suo programma e le sue novità, partendo dal tema di quest'anno del Maravilla Festival

Un momento della presentazione avvenuta in Provincia

Cultura, enogastronomia, grande danza, piatti della tradizione e impegno sociale: questi sono gli ingredienti della 13ª edizione de La Sagra de l’Anara Pitanara di Tarmassia. La manifestazione, grazie all’impegno de “La Compagnia de l’Anara” e dei molti volontari della frazione di Isola della Scala, è diventata uno degli appuntamenti più importanti del fine estate veronese.

Hanno presentato la sagra e gli eventi culturali ad essa legati David Di Michele vicepresidente della Provincia, Elena Meneghelli presidente de “La Compagnia de l’Anara”, Stefano Canazza sindaco di Isola della Scala, Marco Biasetti direttore artistico del “Maravilia Festival”, Maria Rosa Carlin presidente AICS Verona e Roberto Bussola di Banca Mediolanum, main sponsor della manifestazione.

Da mercoledì 4 a martedì 10 settembre, la sagra de L’Anara Pitanara animerà Tarmassia attirando migliaia di persone grazie alle sue specialità culinarie, su tutte le tradizionali “lasagnette con l’anara”, e alle sue grandi orchestre spettacolo. Contemporaneamente, torna il Maravilia Festival che quest’anno celebra la grande danza ospitando, sul palco di Villa Guarienti Baja, alcune tra le più importanti étoile. Tra i protagonisti del festival, che quest’anno s’intitola “di danza s’incanta” ci saranno Kledi Kadiu, Simona Atzori, Claudio Coviello, Carla Fracci e, unica data in Veneto, lo spettacolo del Balletto di Milano.

«Questa sagra – ha detto il vice presidente Di Michele – è di altissimo profilo, doveroso quindi conferire il patrocinio della Provincia per riconoscere anche lo straordinario impegno di chi la organizza. Per realizzare un simile evento, infatti, serve la collaborazione di tutta la comunità e in questo caso si notano grande passione e capacità che portano a risultati straordinari».

«La sagra de l’Anara Pitanara – ha detto la presidente Elena Meneghelli – nasce dalla passione e dalla follia di un gruppo di amici che, dal 2006, ne curano l’organizzazione. La nostra idea era quella di diffondere la tradizione e la cultura del nostro territorio creando un evento che fosse, a suo modo, unico. Noi crediamo nelle potenzialità di questa zona, nell’impegno dei nostri ragazzi e nella possibilità di creare magia se ci si mette insieme. Da queste basi è nata la sagra che valorizza la grande tradizione culinaria della Bassa, la cultura e la voglia di stare insieme».

«Quest’anno – ha spiegato il direttore artistico Biasetti – è dedicato alla danza con un programma di eventi assolutamente unico. Tutte le espressioni di questa straordinaria arte saranno presenti, dalla classica al tip tap, dal musical alla capoeira, con la partecipazioni di primi ballerini e delle più grandi compagnia che hanno scelto Tarmassia per esibirsi».

«Sono rimasto incantato quando sono andata a vedere la sagra de l’Anara per la prima volta – ha detto Bussola – e ho pensato che questa non fosse semplicemente una sagra, ma molto di più. Per questo ho trovato giusto sostenere e far conoscere a tutti i clienti di Banca Mediolanum un simile evento, per il livello culturale raggiunto e per la cura riservata alla villa che la ospita. Il sostegno dei privati a queste manifestaizoni è fondamentale perché i costi sono cresciuti molto, anche solo per le nuove normative: più mecenati ci sono per sostenere questi eventi e meglio è. Queste manifestazioni, infatti, sono un investimento a favore di tutto il territorio».

«Ringrazio la presidente e tutti i volontari che rendono possibile la realizzazione di una manifestazione di questo livello – ha detto il sindaco Canazza -. Tarmassia, con la propria sagra, dà il là a una serie di eventi che interessano tutto il territorio comunale. Si tratta di una meravigliosa manifestazione, partita da una piccola sagra e diventata una straordinaria realtà per tutto il territorio. Il Comune di mette a disposizione perché si riconoscimento nell’entusiasmo e nella fantasia degli organizzatori».

Nel parco della storica villa Guarienti Baja, nelle sue scuderie e nell’aia allestita con il suo grande palco ci sarà, quindi, la possibilità di scoprire, di serata in serata, la magia della danza e i più famosi musical, mostre tematiche, la storia dei più grandi ballerini e spettacoli unici messi in scena da alcune delle più importanti compagnie di danza.

Come da tradizione, la sagra sarà inaugurata, il 4 settembre, dal concorso “La Sfoglia d’Oro” condotto da Elisabetta Gallina ed Elisa Tagliani, mentre a giudicare regolarità della sfoglia, spessore e qualità dell’impasto sarà lo chef Botta. Spetterà a lui valutare la migliore sfoglia e a incoronare il re o la regina del concorso.

Ma il concorso rappresenta anche il primo appuntamento ufficiale del Maravilia Festival. Nel corso della serata, sul palco di Villa Guarienti Baja, si esibiranno Oliviero Bifulco di Amici, i campioni italiani ed europei di Boogie Woogie Marco Martignani e Daisy Assabi, la compagnia dei Tipi del Tap, i Delay 0371 con un’esibizione di break dance e hip hop e Ronald Almeida Dos Santos e Pedro Concalves che porteranno in scena la capoeira.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una città intera in lutto: si è spento Roberto Puliero e Verona perde la sua voce

  • Sbanca a L'Eredità, dipendente comunale pensa ai colleghi in difficoltà

  • Terremoto nella Bassa Veronese: registrate tre scosse ravvicinate

  • Il cordoglio della politica veronese per la scomparsa di Roberto Puliero voce della città

  • «Grassie», la poesia di Roberto Puliero per chi lo ha avuto in cura

  • Madre e figlia dirette a Londra arrestate all'aeroporto Catullo dalla polizia

Torna su
VeronaSera è in caricamento