Nubifragio di settembre, nuova ricognizione dei danni. Il PD chiede perché

Chiesta la conferma di quanto dichiarato l'anno scorso e la novità è che possono presentare la domanda di rimborso anche chi che non l'avevano ancora fatto. Ma per i dem si tratta di una «nuova trafila burocratica»

Mezzi al lavoro dopo il nubifragio di settembre 2018 (foto di repertorio)

Prosegue l'iter per i rimborsi del nubifragio avvenuto l'1 e 2 settembre 2018 a Verona, con una nuova fase disposta dalla Regione Veneto. Dopo il censimento e la ricognizione dei danni, la Regione chiede ora la conferma di quanto dichiarato l'anno scorso, ma la novità è che possono presentare la domanda di rimborso anche i cittadini che non l'avevano presentata nel 2018.
Tutti coloro che lo scorso anno sono stati colpiti dal nubifragio e che avevano presentato i moduli nel mese di ottobre, dovranno ora confermare o integrare quanto dichiarato entro sabato 22 giugno. Chi invece non aveva fatto in tempo a presentare la domanda potrà farlo sempre entro quella data. In questo modo, la Regione Veneto procederà alla valutazione delle richieste e dei danni subiti per disporne il rimborso.

E per supportare i cittadini nella compilazione dei nuovi moduli, riapre da lunedì 3 giugno, per tre settimane, l'ufficio messo a disposizione dall'amministrazione comunale. Il servizio di assistenza gratuita sarà attivo in via Santissima Trinità 2/a, vicino a piazza Cittadella, dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30. Sul posto saranno presenti alcuni rappresentanti della protezione civile che forniranno informazioni e modulistica, specialmente a chi non ha la possibilità di stamparla da casa.
Il martedì e il giovedì mattina, sarà presente anche un componente del Collegio dei geometri per aiutare i cittadini nella compilazione delle schede tecniche.
I nuovi moduli, scaricabili anche dal sito del Comune di Verona, devono essere compilati e corredati degli allegati e della fotocopia di un documento di riconoscimento. Poi li si dovrà consegnare al protocollo generale del Comune. La consegna può essere fatta a mano, tramite pec o oppure via mail a protezione.civile@comune.verona.it.

Critiche sulla gestione dei risarcimenti sono, però, state indirizzate all'amministrazione comunale dal Partito Democratico di Verona

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I cittadini hanno poco più di un mese di tempo per sobbarcarsi una nuova trafila burocratica, ricompilare i moduli e riconsegnarli - scrivono Elisa Dalle Pezze, presidente della seconda circoscrizione, Carlo Beghini, capogruppo in ottava circoscrizione, Fausto Rossignoli della lista Comunità e Territorio di Negrar, Elisa La Paglia, consigliera comunale, e i parlamentari Diego Zardini e Alessia Rotta - Perché indire una nuova ricognizione? La seconda ricognizione avrebbe dovuto essere quella definitiva e concludersi con la valutazione delle richieste e la conseguente liquidazione dei danni riconosciuti. La cosa certa è che questa terza ricognizione differisce dalle precedenti per un aspetto importantissimo: la mancanza del modulo relativo ai beni mobili registrati. Questo significa che ai cittadini non viene più richiesto di denunciare eventuali perdite di auto o furgoni. Una svista oppure la volontà di non riconoscere questi danni? Siamo preoccupati: famiglie e aziende che in questi mesi hanno programmato la ripartenza e il ritorno alla normalità dopo le calamità rischiano di vedere stravolti i propri piani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • Cardiologia di Verona verso il futuro: impiantato il primo pacemaker invisibile

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

  • Covid-19: un tampone positivo e un decesso nel Veronese, ma i dati restano positivi

  • 'Ndrangheta a Verona, blitz della polizia: 23 arresti e 3 obblighi di firma

Torna su
VeronaSera è in caricamento