Smog e coronavirus, Arpav partecipa a studio epidemiologico nazionale

La ricerca servirà a valutare se e in che misura i livelli di inquinamento atmosferico siano associati agli effetti sanitari dell'epidemia di Covid-19

Foto di repertorio

È partito uno studio epidemiologico nazionale per valutare se e in che misura i livelli di inquinamento atmosferico siano associati agli effetti sanitari dell'epidemia di Covid-19. Lo studio è promosso dall'Istituto superiore di sanità (Iss) e dall'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra), con il Sistema nazionale per la protezione dell'ambiente (Snpa) di cui fa parte anche Arpav.
Questo studio si affianca a Pulvirus, altra iniziativa nazionale mirata più specificamente a valutare le conseguenze del lockdown sull'inquinamento atmosferico e sui gas serra, oltre alle interazioni fra polveri sottili e virus. «In entrambi gli studi nazionali, Arpav è in prima linea - ha affermato Luca Marchesi, direttore generale Arpav - L'agenzia veneta non solo mette a disposizione i propri dati ma ha un ruolo attivo di contributore scientifico e tecnico».

Lo studio epidemiologico si baserà sui dati della sorveglianza integrata nazionale dal coronavirus, coordinata da Iss, e su quelli del sistema di monitoraggio della qualità dell’aria atmosferica, di competenza di Ispra e Snpa. Inoltre, si avvarrà della collaborazione scientifica della Rete italiana ambiente e salute (Rias) per garantire un raccordo con le strutture regionali sanitarie ed ambientali. Saranno realizzati anche approfondimenti su scala regionale condotti con metodologia comune per evitare approcci frammentari e garantire la confrontabilità dei dati. La qualità e rigorosità saranno garantite da un advisory board costituito da esperti nazionali e internazionali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Va verificato, per esempio, se una popolazione esposta a maggior inquinamento dell'aria riscontri una maggior vulnerabilità al virus in termini di effetti e se questo possa esser collegato a una maggior vulnerabilità generale a malattie respiratorie - ha aggiunto l'assessore regionale all'ambiente Gianpaolo Bottacin - Un approfondimento del genere è quanto mai opportuno, ma anche complesso, in quanto coinvolge moltissimi aspetti della scienza interconnessi tra loro: l'epidemiologia, la tossicologia, la virologia, l'immunologia, la chimica, la biologia, la fisica, la meteorologia e altri ancora. Uno studio, quindi, articolato, che richiede competenze diverse. Ma proprio per questo il Veneto, che dispone di una rilevantissima quantità di dati, può garantire un importante contributo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

  • Spende 9 mila euro per un depuratore per la casa: «Non serve, l'acqua è già potabile»

  • Inganna parroco della Lessinia per ricattarlo, coppia di 20enni arrestata

  • Coronavirus: il Veneto registra sette nuovi casi positivi in 24 ore, due sono a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento