Raccolta fondi per il rimpatrio della salma del 23enne morto nel Mincio

L'associazione Casa Dacia di Valeggio accoglie donazioni per i familiari di Raul Cristian Lacatusu, il giovane pescatore sorpreso dal maltempo lo scorso 5 maggio e finito con l'auto nel fiume

Raul Cristian Lacatusu (Foto Facebook)

Ciò che era altamente probabile è diventato certezza: la salma recuperata dai vigili del fuoco domenica 12 maggio sul Mincio a Marengo di Marmirolo, in provincia di Mantova, è di Raul Cristian Lacatusu.

Il 23enne romeno che abitava a Valeggio sul Mincio è deceduto per il maltempo dello scorso 5 maggio. Insieme ad altri quattro connazionali, era andato a pescare vicino a Pozzolo, nel Mantovano. Il brutto tempo ha sorpreso il gruppo di pescatori che si è riparato nell'auto che purtroppo è scivolata nel fiume. Gli altri quattro amici di Raul Cristian Lacatusu si sono salvati, ma il giovane non ce l'ha fatta. Le ricerche del suo corpo sono durate una settimana, fino al ritrovamento di domenica scorsa.

La salma è stata poi trasferita all'ospedale di Mantova e probabilmente giovedì 16 maggio sarà restituita alla famiglia che vorrebbe seppellire il ragazzo in patria. E proprio per aiutare sostenere economicamente i familiari di Raul Cristian Lacatusu nelle spese per il rimpatrio, l'associazione romena Casa Dacia di Valeggio sul Mincio ha organizzato una raccolta fondi. Chi volesse contribuire, può lasciare la sua offerta entro giovedì al negozio romeno dell'associazione che si trova in via Marconi 5.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Finisce fuori strada con la Ferrari lungo la Transpolesana: muore imprenditore

  • Ospedali di Borgo Trento e di Negrar al top in Veneto per il tumore al seno

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 14 al 16 febbraio 2020

  • In arrivo il nuovo centro di distribuzione di Amazon al confine con Verona

  • Rubavano dalla cassa del negozio per cui lavoravano: commesse in manette

  • Preleva 1.500 euro con un bancomat rubato, scoperto e denunciato

Torna su
VeronaSera è in caricamento