Protezione civile tra gli studenti, il progetto "Scuola Sicura Veneto" fa tappa a Peschiera

«Il mio auspicio, - ha dichiarato l’Ass. regionale alla protezione civile Bottacin - è che da queste prime esperienze di soccorso possa nascere qualche giovane futuro volontario»

Studenti durante un'esercitazione nell'ambito del progetto "Scuola Sicura Veneto"

È in programma lunedì 29 ottobre nel Comune di Peschiera del Garda in provincia di Verona, presso la sede della Scuola Primaria “Giovanni Paolo II” (Via Nencioni, 20 - Località Porto Vecchio), la quarta delle undici tappe autunnali del progetto di Protezione Civile "Scuola Sicura Veneto", lanciato dalla Regione e dedicato agli istituti scolastici. Per l'occasione interverrà l’assessore regionale alla protezione civile Gianpaolo Bottacin.

La formula ormai consolidata dell’iniziativa prevede attività di studio con le procedure da adottare in caso di incendio (oppure di sisma) e le conseguenti simulazioni di allarme, di evacuazione e di recupero dei feriti, con l’intervento dei mezzi di soccorso. In base a disponibilità e condizioni meteo, atterrerà anche un elicottero delle emergenze mediche nel piazzale antistante la scuola.

L’esercitazione, che si svolge sotto il coordinamento dell’Assessorato e della Direzione Protezione Civile regionale, vede la partecipazione, secondo i rispettivi ruoli e compiti, delle strutture comunali e provinciali, del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco, del Suem 118, dei volontari locali di Protezione Civile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Quello che emerge in queste esercitazioni, anche se a volte sembrano cose scontate - ha detto l'Ass. Bottacin parlando ai ragazzi durante la tappa bellunese svoltasi oggi a Pieve di Cadore - in realtà crea elementi assolutamente preziosi che un giorno potrebbero servirvi davvero, sia per proteggere voi stessi nella vita quotidiana, ma anche, forse, per salvare la vita di qualcun'altro. Per questo, - ha concluso l'assessore - il mio auspicio è che da queste prime esperienze di soccorso possa magari nascere qualche giovane futuro volontario».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Coronavirus: in Veneto nuovi casi positivi e ricoveri, 4 morti di cui 3 sono a Verona

  • Citrobacter, destino segnato per una bimba infettata a Borgo Trento

  • Forti temporali attesi in Veneto: stato di attenzione anche nel Veronese

Torna su
VeronaSera è in caricamento