Cartelli di protesta contro il «Giulietta e Romeo» di Sergey Polunin

Gli attivisti di Circolo Pink, Potere al Popolo e del Comitato Verona Pride: «Corpo di ballo stabile liquidato e dimenticato e Polunin è noto per le sue posizioni omofobe e sessiste»

Un cartello di protesta

Venerdì scorso, 26 luglio, ad un mese esatto dalla prima mondiale in Arena dello spettacolo di balletto "Giulietta e Romeo" del ballerino Sergey Polunin, alcuni attivisti del Circolo Pink, di Potere al Popolo e del Comitato Verona Pride hanno effettuato un blitz di protesta contro il Comune di Verona e contro Polunin. Gli attivisti hanno attaccato cartelli sotto i tabelloni in Piazza Bra e nelle sale prova del corpo di ballo dell'Arena di Verona.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Negli scorsi mesi abbiamo criticato questa manifestazione, essendo prerogativa della Fondazione Arena organizzare eventi di lirica e balletto in Arena - hanno fatto poi sapere gli attivisti - Ma per farlo la nostra città dovrebbe avere un corpo di ballo stabile, lo stesso liquidato tre anni fa durante l'amministrazione Tosi. A due anni delle elezioni, l'amministrazione Sboarina sembra avallare quel processo di privatizzazione della Fondazione Arena che tanto aveva criticato. Sarà forse che la presenza di un ospite, Polunin, salito agli onori delle cronache internazionali per le sue prese di posizione omofobe e sessiste, abbia fatto dimenticare all'amministrazione il bene della città e delle lavoratrici e lavoratori della Fondazione Arena? Crediamo sia compito di chi governa la città tutelare i beni del nostro territorio, come la Fondazione Arena. Stiamo invece scontando la politica di una amministrazione assente, che tanto ha parlato in campagna elettorale e che poco ha fatto da quando siede a Palazzo Barbieri. Per il bene della nostra città, del valore che vogliamo assegnare alla lirica; per il rispetto dei tanti artisti non eterosessuali che hanno calcato il palco dell'Arena e dato risalto alla nostra città, l'amministrazione dovrebbe assumersi la responsabilità di bloccare questo evento e farsi promotrice della rinascita di un corpo di ballo stabile per Verona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

  • Gardaland annuncia la data della riapertura ufficiale: attrazioni all'aperto tutte disponibili

Torna su
VeronaSera è in caricamento