Caso Scaroni, chiesti sette anni per gli agenti che picchiarono il tifoso

Dopo l'assoluzione in primo grado, la vicenda giudiziaria prosegue in Appello. I fatti risalgono al 2005, quando il supporter bresciano Paolo Scaroni fu malmenato dai poliziotti dopo una partita con l'Hellas Verona

Paolo Scaroni (Foto BresciaToday)

Ha raggiunto il secondo grado di giudizio la vicenda processuale che vede come vittima e protagonista Paolo Scaroni, tifoso del Brescia oggi 40enne e rimasto invalido al 100% nel settembre del 2005 per le violenze subite da parte della Polizia, al termine di una partita tra Hellas Verona e Brescia, mentre Scaroni stava risalendo sul treno che lo avrebbe riportato a casa.

I fatti si svolsero a Verona e il tribunale scaligero ha assolto gli agenti. Scaroni, comunque, riuscì ad ottenere un risarcimento di oltre un milione di euro. Come riporta BresciaToday, il processo si è ora spostato in Corte d'Appello a Venezia, dove la pubblica accusa ha chiesto una condanna a sette anni per i poliziotti che manganellarono il tifoso bresciano e che per questo sono accusati di lesioni gravissime.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Finisce fuori strada con la Ferrari, ipotesi malore: muore imprenditore in Transpolesana

  • Ospedali di Borgo Trento e di Negrar al top in Veneto per il tumore al seno

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 14 al 16 febbraio 2020

  • In arrivo il nuovo centro di distribuzione di Amazon al confine con Verona

  • Rubavano dalla cassa del negozio per cui lavoravano: commesse in manette

  • Preleva 1.500 euro con un bancomat rubato, scoperto e denunciato

Torna su
VeronaSera è in caricamento