Regione Veneto ringrazia i lavoratori della sanità, premio da 61 milioni

«Lavoreremo da subito con i sindacati per arrivare a erogare le somme nei tempi più brevi - ha detto l'assessore regionale Manuela Lanzarin - Questi denari sono tra i meglio spesi di sempre»

Foto di repertorio

Per tradurre anche in concreto la gratitudine al personale della sanità per i grandi sacrifici sostenuti nel combattere in prima fila l’emergenza coronavirus, la Regione Veneto mette sul piatto 61 milioni di euro, da erogare il prima possibile, dopo aver concordato criteri e modalità dell’intera operazione.

Lo ha deciso ieri, 28 aprile, l'assessore regionale alla sanità Manuela Lanzarin, incontrando tutte le rappresentanze sindacali dei lavoratori della sanità. «Quantificare la gratitudine - ha commentato Lanzarin - è la cosa più difficile del mondo, perché non c’è cifra che possa rappresentare fino in fondo il nostro grazie a questi lavoratori che, oltre alla grande professionalità, hanno gettato in campo un coraggio e un'abnegazione che rimarranno nella storia della sanità veneta. Questi 61 milioni sono tra i denari meglio spesi di sempre e se riusciremo a far emergere ulteriori disponibilità non ci sarà alcun ostacolo a utilizzarle».

L'assessore e i sindacati hanno riconosciuto che la riorganizzazione messa in campo per fronteggiare Covid-19 abbia comportato un rilevante incremento del lavoro del personale e l'aumento delle unità di addetti impegnati ogni giorno a curare i malati, con un notevole impatto sulle condizioni operative di tutti i lavoratori, in particolare quelli impegnati nei reparti, nei servizi di assistenza ai pazienti e in attività comunque collegate all'emergenza coronavirus.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le leve retributive da utilizzare sono di tipologie varie, e sono state concordemente valutate. I criteri di ripartizione del fondo totale tra la dirigenza medica e il personale del comparto saranno approfonditi e condivisi successivamente, così come le modalità per l'erogazione delle risorse. «Lavoreremo da subito con i sindacati per arrivare a erogare le somme nei tempi più brevi - ha aggiunto Lanzarin - e nel frattempo mi auguro che anche a livello nazionale si traduca in concreto un incremento delle risorse disponibili. Gli strumenti ci sono, e sono contenuti in una serie di proposte già inviate al Governo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Citrobacter, destino segnato per una bimba infettata a Borgo Trento

Torna su
VeronaSera è in caricamento