Dalla plastica a Fondazione Arena, premiate in Comune le tesi di laurea dedicate a Verona

«Le tesi esaminate e premiate – ha detto durante la consegna del premio l’assessore alla Cultura Briani – sono di grande interesse per il nostro territorio e, soprattutto, molto attuali»

Premiazione in Comune

Dalla Fondazione Arena alla plastica, dal parco delle fortificazioni dell’Adige all’ecosistema urbano della città: sono queste alcune delle tematiche, di grande attualità, affrontate nelle tesi premiate, in sala Gozzi di palazzo Barbieri. Si è tenuta nel pomeriggio di ieri, infatti, la cerimonia di consegna delle borse di studio “Premio Città di Verona”, per tesi di laurea magistrale dedicate alla nostra città e discusse nel corso del 2018. A premiare gli studenti autori delle tesi è stata l’assessore alle Politiche giovanili Francesca Briani.

Il “Premio Città di Verona”, voluto dall’Amministrazione, mette a disposizione cinque borse di studio del valore di mille euro ciascuna, per gli autori di tesi di carattere letterario, storico, artistico (architettura e ingegneria), giuridico, socio-politico-economico, psico-pedagogico e scientifico che abbiano ottenuto una votazione di laurea non inferiore a 110. È stata, inoltre, consegnata una medaglia di merito a tre giovani laureati, le cui tesi sono state ritenute meritevoli di riconoscimento pubblico.

«Le tesi esaminate e premiate – ha detto l’assessore Briani – sono di grande interesse per il nostro territorio e, soprattutto, molto attuali. I lavori degli studenti sono stati in grado di approfondire aspetti molto importanti e di proporre sfaccettature di indagine e punti di vista innovativi per Verona e il suo territorio».

I giovani vincitori della borsa di studio sono Martina Benin per la tesi “Comunicare la sostenibilità della plastica: prospettive di analisi a confronto”; Marzia Guidoni per la tesi “La Fondazione Arena di Verona tra glorie passate e sfide attuali”; Michele Brunelli per la tesi “Il parco delle fortificazioni di Verona. La riqualificazione della cinta magistrale a destra dell’Adige”; Gaia Carbon per la tesi “Burnout e regolazione delle emozioni negative nei volontari di Croce Verde Verona”; Marcello Pecorari per “L’ecosistema urbano veronese: criticità e soluzioni per un piano di resilienza urbana contro la crisi ambientale e di valorizzazione del patrimonio cittadino".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono stati giudicati meritevoli di ottenere la medaglia di merito Elvira Castelli, Matteo De Carli e Giovanni Battista Teriaca. La commissione che ha giudicato le tesi era composta dall’architetto Marco Ardielli, dalla professoressa Barbara Gaudenzi, dalla dottoressa Antonella Elena Rossi, dall’ingegner Alberto Sartori e dalla dottoressa Marino Spallino. A presiederla il dirigente delle Politiche giovanili Alessandro Pignatelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 10 al 12 luglio 2020

  • Perde il controllo della moto, esce di strada e muore sulla Transpolesana

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Omicidio Micaela Bicego, trovata mannaia nello zainetto della vittima

  • Coronavirus: in Veneto nuovi casi positivi e ricoveri, 4 morti di cui 3 sono a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento