A Verona la festa della polizia municipale: reati in calo e falsi pass disabili scomparsi in città

Si celebra il 4 ottobre il 153° anniversario dalla fondazione della municipale

Presentazione della festa della polizia municipale

La polizia municipale di Verona festeggia venerdì 4 ottobre il 153° anniversario dalla fondazione. Una celebrazione che darà il via ad un anno di passaggio. Nel 2020, infatti, il corpo diventerà ufficialmente "polizia locale" per effetto di leggi statali e regionali. E vedrà l’arrivo di 65 nuovi assunti.

Reati in diminuzione

Nell’ultimo anno di attività si è registrata una diminuzione dei reati e delle violazioni. Dal 1 settembre 2018 al 31 agosto 2019, sono stati oltre 46 mila i servizi messi in campo, con una media di 126 interventi giornalieri. Ben 34.960 gli interventi gestiti dalla centrale operativa, diminuiti rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, indice che i numerosi controlli sono efficaci e portano i cittadini a telefonare meno per segnalare eventuali irregolarità. Dopo anni di verifiche, è sparito il fenomeno dei falsi pass disabili. Per numero di Daspo siamo il terzo comune in Italia, prima di noi solo due città entrambe metropolitane. L’introduzione del provvedimento ha consentito alla Prefettura di allontanare 34 persone dalle strade del centro e alla Questura di adottare la misura del foglio di via obbligatorio per 17 soggetti, con un numero totale di interventi effettuati da agenti della Polizia municipale pari a 548. Nell’ambito del progetto “Scuole Sicure”, per contrastare lo spaccio nelle vicinanze delle scuole cittadine, sono stati effettuati 72 sequestri, per un totale di 666 grammi di sostanze stupefacenti.

I controlli sulle strade

Numeri importanti anche quelli delle verifiche sulle strade. Più di 280 mila le violazioni accertate al Codice della Strada, delle quali 103 mila ai varchi Ztl, quasi tutte registrate dalle telecamere in entrata. Nel corso degli ultimi 12 mesi sono stati 122 mila i veicoli controllati. Sempre alta l’attenzione alla sicurezza stradale.

Come è noto la strada più pericolosa di Verona è la tangenziale, dove gli automobilisti transitano spesso a velocità troppo elevate. Un esempio su tutti è il record registrato recentemente in t4-t9 di 191 chilometri orari. Per questo dalla settimana prossima entrerà in funzione il nuovo autovelox.

Il sindaco: «La sicurezza della nostra città è priorità assoluta»

Ad illustrare quelli che sono dati e risultati di un anno di attività della polizia municipale, il sindaco Federico Sboarina, l’assessore alla Sicurezza Daniele Polato e il comandante Luigi Altamura. «Da un anno all’altro questa è l’occasione per tirare le somme del grande lavoro fatto, oltre che il momento per ringraziare tutti i nostri agenti e ufficiali. - ha detto Sboarina - Davvero lo sforzo e l’impegno è tanto, e va loro riconosciuto. Dalle richieste del Comitato per l’ordine e la sicurezza, ai grandi eventi, dal traffico generato dalle fiere, ai milioni di turisti. Se tutto funziona è perché la polizia municipale è impegnata a 360 gradi sul territorio. Non sono rare a Verona le giornate come il 2 giugno, dove abbiamo avuto Festa della Repubblica, Giro d’Italia e ritorno in serie A dell’Hellas Verona. Tante altre città sarebbero andate in tilt, mentre qui tutto ha funzionato e non abbiamo ricevuto nessuna lamentela. Questo è il frutto di un ottimo lavoro portato avanti quotidianamente. Ecco perché, in una logica di continuo miglioramento del servizio reso e della qualità di vita della nostra comunità, abbiamo scelto di riservare buona parte delle nuove assunzioni al comparto della polizia municipale. Ringrazio infine anche tutti quei cittadini che hanno capito l’importanza di fare squadra, sono i nostri occhi e le nostre orecchie sul territorio. Tutte le segnalazioni sono preziose, perché attivano verifiche e controlli tempestivi. La priorità assoluta è la sicurezza della nostra città e la lotta al degrado, continueremo in questa direzione, chiedendo anche attraverso i nostri parlamentari che Verona possa essere riconosciuta quale città metropolitana. Questo ci permetterebbe, ad esempio, di incrementare il numero degli agenti dagli attuali 270 fino a mille unità».

Ass. Polato: «A breve installeremo 100 nuove telecamere»

«Mai come negli ultimi due anni sono state convogliate così tante risorse sulla sicurezza e la polizia municipale. – ha spiegato l'assessore Polato – Circa 2 milioni di euro, considerate anche le nuove assunzioni, che hanno permesso l’acquisto di mezzi, armamenti e tecnologie. Abbiamo inoltre costituito la prima unità cinofila, che a breve sarà operativa e forse allargata con l’arrivo di un altro cane. Abbiamo fatto sì che programmi all’avanguardia come Giano potessero continuare ad evolversi e aggiornarsi. Abbiamo portato avanti una forte attività contro l’abusivismo, specialmente per le locazioni turistiche. Siamo stati citati come città modello per aver presentato diverse proposte di legge. A breve installeremo 100 nuove telecamere per il controllo dei quartieri. Sono i dati a darci la portata di tutto questo lavoro, con reati in diminuzione, nessuna zona franca, controlli in tutte le aree abbandonate, gestione del traffico e della sosta soprattutto durante i cantieri, le fiere, gli eventi, le partite. Dovremmo avere molti più agenti, è inaccettabile che, numeri alla mano, il nostro comune non sia ancora stato riconosciuto città metropolitana».

Comandante Altamura: «Sparito il fenomeno dei falsi pass disabili»

«L’anno scorso, proprio in questa giornata, chiedemmo nuove assunzioni e, a breve, entreranno in servizio 65 tra agenti e ufficiali. Nuovo personale che per almeno 4 anni dovrà rimanere a Verona, a differenza di quanto accadeva prima. - ha detto il comandante Altamura - Per numero di Daspo siamo il terzo comune in Italia, prima di noi solo due città entrambe metropolitane. L’importante task-force messa in campo ha prodotto i suoi frutti. Dopo anni di controlli e sensibilizzazione, è sparito anche il fenomeno dei falsi pass disabili. Prosegue, invece, l’impegno per l’educazione alla sicurezza stradale nelle scuole: 572 le classi coinvolte e oltre 9mila gli alunni complessivamente raggiunti. A questi si aggiungono le 4.250 persone contattate durante ben 11 eventi».

Il programma prevede quest'oggi, dalle ore 10.30, saluti istituzionali e consegna degli encomi, che per il primo anno andranno anche a due cittadini che hanno supportato il lavoro delle forze dell’ordine.

Assieme ad agenti e ufficiali, sarà schierato il cane Pico della nuova unità cinofila, operativa dal prossimo novembre. Inoltre, sarà operativa l’ultima versione di Giano, il programma vincitore del premio nazionale Anci Sicurezza Urbana 2018.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una città intera in lutto: si è spento Roberto Puliero e Verona perde la sua voce

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Sbanca a L'Eredità, dipendente comunale pensa ai colleghi in difficoltà

  • Il cordoglio della politica veronese per la scomparsa di Roberto Puliero voce della città

  • Maltempo a Illasi: «Situazione ancora critica, preoccupa il livello del Progno»

  • Madre e figlia dirette a Londra arrestate all'aeroporto Catullo dalla polizia

Torna su
VeronaSera è in caricamento