Rabbia sul web per il taglio della torta alla nuova Fincantieri di Valeggio

Critiche piovute dai social per le istituzioni, giudicate poco sensibili nei confronti dei parenti delle vittime e di coloro che stanno vivendo grandi disagi a causa del crollo del Ponte Morandi

C'è il sindaco di Valeggio sul Mincio Angelo Tosoni che insieme al premier Giuseppe Conte tiene in mano il coltello con cui viene tagliata la torta che oggi, 12 marzo, sta facendo impazzire il web italiano, con l'hashtag #PonteMorandi usatissimo dai commentatori sui social network.
«Un momento importante per la città di Genova, trasformato in motivo di rabbia e indignazione», scrive la redazione di GenovaToday nel dar conto del risentimento provocato dalla foto condivisa da Palazzo Chigi in cui è stato immortalato il taglio della torta avvenuto ieri, 11 marzo, durante l'inaugurazione dello stabilimento dalla Fincantieri Infrastructure di Valeggio, cerimonia che ha dato il via alla costruzione del nuovo ponte sul Polcevera, quello che andrà a sostituire il Ponte Morandi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una torta rimasta indigesta, ad esempio a Luca Bizzarri, comico genovese e presidente della Fondazione Palazzo Ducale. «Nel mondo che vorrei, si rifarebbe un ponte, in silenzio, e basta - ha scritto Bizzarri su Twitter - Qui a qualcuno viene in mente di fare una torta e non c’è uno che pensi che lì sotto ci sono 43 vittime». Le vittime sarebbero quelle del crollo del Ponte Morandi, anche se il ponte raffigurato sulla torta non è il ponte venuto giù la scorsa estate, ma rappresenta il logo della Fincantieri Infrastructure. Ma poco importa a Bizzarri e agli altri commentatori che hanno criticato la mancanza di tatto da parte delle istituzioni, definite poco sensibili nei confronti dei parenti delle vittime e di tutti quei cittadini che hanno vissuto e stanno ancora vivendo grandissimi disagi a causa del crollo del Morandi. Lo stesso genere di critiche piovute sul ministro delle infrastrutture Danilo Toninelli, quando posò sorridente insieme a Bruno Vespa con in mano il plastico del ponte di Genova usato in occasione di una puntata di Porta a Porta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • Cardiologia di Verona verso il futuro: impiantato il primo pacemaker invisibile

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

  • Covid-19: un tampone positivo e un decesso nel Veronese, ma i dati restano positivi

  • 'Ndrangheta a Verona, blitz della polizia: 23 arresti e 3 obblighi di firma

Torna su
VeronaSera è in caricamento