Pietro Maso torna in televisione, intervista a «Io ho ucciso» su Nove

L'autore del duplice omicidio di Montecchia di Crosara si racconta: «Ho 48 anni, nel '91 ho ucciso i miei genitori, ho fatto 22 anni di carcere e oggi posso dire di essere un uomo libero»

Pietro Maso nell'intervista a «Io ho ucciso»

Sono Pietro Maso, ho 48 anni, nel '91 ho ucciso i miei genitori, ho fatto 22 anni di carcere e oggi posso dire di essere un uomo libero.

Si presenta in questo modo, Pietro Maso, nell'intervista esclusiva che ha rilasciato al canale Nove per il programma televisivo «Io ho ucciso», in onda questa sera, 10 ottobre, alle 21.25.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Maso, davanti alle telecamere, ha raccontato la sua storia. Una storia che ruota intorno alla data del 17 aprile 1991. Maso aveva 19 anni quando, insieme a tre complici, uccise i suoi genitori nella loro abitazione a Montecchia di Crosara. Il caso fu risolto in due giorni con l'arresto di tutti i responsabili, i quali furono poi condannati. Ma il clamore di quel duplice omicidio familiare dura ancora oggi.
Nell'intervista, Maso ricorda gli anni prima dell'omicidio: il tentativo del seminario, durato solo un anno, la mancanza di calore che avvertiva dentro casa e soprattutto la distorta fascinazione per la figura di Don Johnson, l'attore protagonista del telefilm Miami Vice. È stato proprio con una canzone di Miami Vice che Maso e i suoi complici si sono caricati, prima del duplice omicidio.
L'adolescente Maso era un ragazzino che voleva attirare l'attenzione di tutti e per farlo si vestiva in modo vistoso e cercava di condurre una vita che per lui non era economicamente sostenibile. È stato il bisogno di denaro a spingere Pietro Maso ad uccidere i suoi genitori, un bisogno che gli aveva fatto pensare ad un piano anche più ampio, che comprendeva anche l'uccisione delle sorelle e di due complici.
Ma la testimonianza di Pietro Maso prosegue, parlando anche degli anni dopo il carcere, i problemi con la droga, le nuove minacce alle sorelle e la disintossicazione, ma anche la lettera inviata a Papa Francesco e la telefonata ricevuta dal pontefice a cui aveva chiesto il perdono.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • Cardiologia di Verona verso il futuro: impiantato il primo pacemaker invisibile

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

  • 'Ndrangheta a Verona, blitz della polizia: 23 arresti e 3 obblighi di firma

  • Covid-19: un tampone positivo e un decesso nel Veronese, ma i dati restano positivi

  • Virus: 15 nuovi casi totali di positivi in Veneto, 6 sono a Verona che segna zero morti in 24 ore

Torna su
VeronaSera è in caricamento