A4, via al piano di gestione delle emergenze invernali sulla Brescia-Padova

Nel dettaglio è prevista l'attivazione di una flotta di 289 unità fra mezzi e attrezzature invernali. Programmati interventi preventivi per evitare la formazione di ghiaccio e forti accumuli di neve al suolo

Neve in autostrada (Foto di repertorio)

La società che gestisce l'autostrada A4 Brescia-Padova ha attivato il piano di gestione delle emergenze invernali per far fronte alle esigenze di sicurezza, determinate dal meteo e dal traffico.

Lo storico dei dati degli ultimi cinque anni ha permesso ad A4 Holding di ipotizzare, già a partire da domani, 6 dicembre, per chi proviene da Milano per la festività di Sant’Ambrogio e per l'intero weekend dell'8 dicembre, alti livelli di concentrazione di transito in prossimità delle aree urbane, oltre che in corrispondenza dell'interconnessione in direzione del Brennero.
Si prevedono poi picchi di traffico nel periodo natalizio compreso fra il 23 e il 31 dicembre verso gli altipiani veneti e trentini.

Il piano prevede un programma di interventi mirato ad anticipare, quando non a risolvere, i possibili disagi dovuti alle temperature, al ghiaccio e alle precipitazioni nevose, e garantire così la regolare fluidità e sicurezza della circolazione stradale sull'intera tratta di competenza.
Nel dettaglio è prevista l'attivazione di una flotta di 289 unità fra mezzi e attrezzature invernali dislocate negli otto Centri Servizi Invernali principali e nei sette Centri Servizi Invernali secondari. Il tutto supportato dal COV (Centro Operativo di Viabilità), cuore nevralgico della gestione della viabilità autostradale, e dagli 80 addetti ausiliari alla viabilità. Il piano predispone e programma tutti gli interventi preventivi, al fine di evitare la formazione di ghiaccio e forti accumuli di neve al suolo, con particolare attenzione alle zone maggiormente esposte al rischio di precipitazione a carattere nevoso.

Questo piano si inserisce all'interno delle molteplici attività di sicurezza stradale pianificate da A4 Holding, anche in considerazione dei dati di traffico rilevati dalla Brescia-Verona-Vicenza-Padova Spa sull'intera tratta di competenza fra gennaio e ottobre 2018, che hanno permesso di accertare il transito di 95,4 milioni di veicoli effettivi (dato questo che misura il numero di tutti i mezzi entrati, usciti o transitati in autostrada, a prescindere dal quantitativo di chilometri percorsi), registrando una percentuale di crescita dell'1,94% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Un incremento dovuto in particolare dall'aumento del transito dei mezzi pesanti, che da gennaio a ottobre 2018 sono stati oltre 21,6 milioni in totale, registrando +3,73% rispetto ai dati 2017.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per anticipare tutte le esigenze degli utenti, A4 Holding è da sempre dotata, oltre che di bollettini meteo, anche di diverse centraline meteo, che forniscono i dati come l'intensità delle precipitazioni o lo stato della visibilità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nel Veronese le persone "positive" sfiorano le 1800 unità

  • A Verona 5 nuovi morti positivi al coronavirus: crescono a 514 i ricoveri, di cui 103 in intensiva 

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus a Verona: toccata quota 100 ricoveri in intensiva

  • Altri 81 casi positivi al coronavirus nel Veronese, sono saliti a 1.228

  • «Focolaio di Coronavirus nel carcere di Verona: una quindicina di agenti positivi»

  • In Veneto 125 minorenni positivi al coronavirus, 18 sono veronesi

Torna su
VeronaSera è in caricamento