Caso diamanti, il leghista Paternoster chiede un incontro con Banco Bpm

Il deputato, insieme al suo collega Daniele Belotti intende avere un confronto con la direzione della banca. «È inaccettabile che migliaia di risparmiatori vengano risarciti con quote tra il 40% e 60% del valore investito»

Immagine generica

Anche il deputato leghista veronese Paolo Paternoster ha richiesto, insieme al suo collega alla Camera Daniele Belotti, un incontro alla direzione generale del Banco Bpm per il caso degli investimenti sui diamanti, che rischia di lasciare solo parzialmente risarciti i risparmiatori che avevano sperato di ricavare un guadagno attraverso un investimento presentato come sicuro eche  alla fine sono rimasti delusi.

Riteniamo inaccettabile che migliaia di risparmiatori del Banco Bpm vengano risarciti con quote tra il 40% e 60% del valore investito - scrivono Paternoster e Belotti - La banca non può sottrarsi alle proprie responsabilità visto che è nelle proprie filiali che venivano proposti i diamanti ai propri clienti. I risparmiatori, soprattutto quelli più anziani, si fidano della banca, quindi questa fiducia non può essere tradita.

Potrebbe interessarti

  • Kentucky Fried Chicken raddoppia a Verona, nuova apertura in Corso Milano

  • Formiche in casa? Ecco la guida che vi aiuterà a liberarvene

  • Must have moda estate 2019: i consigli dell'esperto

  • Da borgo Roma parte l'approccio multidisciplinare ai disturbi motori funzionali

I più letti della settimana

  • Strano viavai da un bar, scatta il blitz: trovata della cocaina, 46enne arrestata

  • Tetano, la bimba peggiora: «Me la prendo con chi diffonde bugie sui vaccini»

  • Dopo Israele e Regno Unito, Gardaland mette nel mirino il mercato cinese

  • Shopping a prezzi ribassati, arrivano i saldi estivi: quando iniziano a Verona e consigli utili

  • Morfina ad un neonato, l'imputata: «Mi è stato chiesto di prendermi la colpa»

  • Si guasta l'auto e viene investito: un morto e un ferito a Verona dopo l'incidente sulla T4-T9

Torna su
VeronaSera è in caricamento