Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ospedale di Negrar aumenta i posti letto destinati ai contagiati da Covid-19

I posti diventano 83, ma in caso di necessità saranno attivati anche i 24 relativi all'Ospedale di Comunità

 

L’IRCCS Sacro Cuore Don Calabria (ospedale religioso parificato accreditato della Regione Veneto) intensifica il suo impegno nella cura dei pazienti affetti da Covid-19.
Rispetto al piano ospedaliero straordinario regionale del 15 marzo, l’ospedale di Negrar, in accordo con la Regione e l’Ulss 9 Scaligera, ha ulteriormente incrementato i posti letto dedicati esclusivamente ai pazienti con infezione da Coronavirus.

malattie infettive_01-2

Pertanto:

  • i posti letto di terapia intensiva passano da 5 a 9;
  • i posti letto di terapia sub intensiva passano da 10 a 12;
  • i posti letto di Malattie infettive passano da 29 a 62.

Complessivamente i posti letto Covid-19 sono quindi diventati 83

Nel momento in cui si presenterà la necessità saranno attivati i 24 posti letto dell’Ospedale di Comunità, già previsti dalla delibera regionale 614/2019. Qui verranno ricoverati i pazienti usciti dalla fase critica ma che non possono essere ancora dimessi.

ps22-2

«Il nuovo piano è stato possibile con un’ulteriore riorganizzazione dei reparti, in particolare di Medicina. Geriatria e Medicina Fisica e Riabilitativa – afferma l’amministratore delegato, Mario Piccinini -. Il “Sacro Cuore Don Calabria” non è un ospedale Covid e come tale oltre alla cura di questi pazienti continua l’attività ordinaria, che riguarda le emergenze – mediche, chirurgiche e materno-infantili – relative ad altre patologie. Questa epidemia, per la quale siamo in prima linea fin dall’inizio, comporta per l’ospedale uno sforzo umano, tecnologico e organizzativo senza precedenti. In linea con ciò che sta accadendo in tutta la sanità veneta».

malattie infettive_02-2

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento