Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Caricamento in corso...
Caricamento dello spot...

Olimpiadi Milano-Cortina 2026, nominati i due rappresentanti del Veneto

Sono Andrea Giovanardi e Antonella Lillo e faranno parte del cda della fondazione che gestirà l'intera organizzazione dell'evento

 

«Abbiamo nominato i membri che rappresenteranno il Veneto nel consiglio di amministrazione della fondazione olimpica. Sono Andrea Giovanardi e Antonella Lillo. Due profili tecnici, strutturati e altamente qualificati, che abbiamo delegato ad essere figure a tutela dei quattro miliardi e mezzo che gestiremo per l'organizzazione delle Olimpiadi 2026».

Così il presidente della Regione Veneto Luca Zaia ha annunciato la delibera con la quale la giunta regionale oggi, 7 gennaio, ha ratificato la nomina dei due componenti che rappresenteranno la Regione nella neonata fondazione olimpica, l'ente destinato a gestire l'intera organizzazione delle Olimpiadi Invernali di Milano-Cortina 2026.
La Regione del Veneto ha diritto alla nomina di due componenti nel cda, uno che rappresenta esclusivamente il Veneto, un secondo che viene nominato in condivisione con il Comune di Cortina. Per procedere alla scelta la Regione ha pubblicato un bando alla cui scadenza sono state presentate oltre una quindicina di domande. Da queste è stata effettuata la scelta.
La giunta ha formalizzato la nomina di Antonella Lillo e, per la propria parte, di Andrea Giovanardi, il quale verrà poi nominato anche dal Comune di Cortina.

«Nel frattempo stanno arrivando le autorizzazioni per le opere e stiamo procedendo su tutti i fronti - ha aggiunto Zaia - Intanto, con questo atto, possiamo dire che la macchina delle olimpiadi è partita. Tema di fondamentale importanza resta la legge olimpica. La bozza esiste già, si tratta di fare qualche limatura, ma siamo a buon punto e c'è massima collaborazione con il ministro Spadafora. Le Olimpiadi sono un'opportunità, saranno olimpiadi low cost con massima attenzione all'ambiente e noi ci siamo impegnati a gestirle con il massimo della trasparenza».

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento