Mozione contro Balotelli e «chi diffama Verona». Interdittiva dell'Hellas per Castellini

Il consigliere Bacciga è il primo firmatario della mozione di «condanna politica per chi diffama la città di Verona» voluta dopo il "caso Balotelli". Nel frattempo però continua a far scalpore l'intervista rilasciata dall'esponente di Forza Nuova e tifoso gialloblu Luca Castellini

Presentazione della mozione in Comune a Verona contro Balotelli e chi diffama Verona

Non c'è stato alcun coro razzista, Verona non è una città razzista, Balotelli ha infangato il buon nome della nostra città. Potrebbero essere sintetizzate così, parafrasandole, le numerose prese di posizione a livello istituzionale che gli amministratori della giunta Sboarina, dal sindaco stesso al presidente del Consiglio Comunale Ciro Maschio, passando per i semplici consiglieri, hanno rese pubbliche nel corso della giornata di ieri. A suggello dell'indignazione generale manifestata a Palazzo Barbieri per la pallonata di Balotelli scagliata verso gli spalti dell'Hellas durante il match con il Brescia, è arrivata infine la mozione di «condanna politica per chi diffama la città di Verona», annunciata sempre ieri, lunedì 4 novembre, dal consigliere di maggioranza e avvocato Andrea Bacciga che l'ha presentata ufficialmente quest'oggi. 

All'interno del documento si legge testualmente: «Premesso che nessuno presente allo stadio udiva ululati, né il pubblico presente, né la panchina del Brescia, né i giornalisti, nemmeno i professionisti della piattaforma Sky a bordo campo», e ancora, «premesso che iniziava da subito una campagna mediatica contro la città di Verona», con tale mozione, si legge sempre nel testo firmato dal consigliere Bacciga, «il Consiglio comunale impegna il sindaco, l'assessore e gli uffici legali del Comune a diffidare legalmente e/o adire le vie giudiziali nei confronti del calciatore e di tutti coloro che attaccano Verona diffamandola ingiustamente».

La mozione presentata in Consiglio comunale dall'esponente della maggioranza Andrea Bacciga

Insomma, non solo non sarebbe successo nulla allo stadio Bentegodi, ma addirittura il calciatore Mario Balotelli avrebbe artatamente messo in scena un vero e proprio coup de théâtre, avendo forse quale fine surrettizio quello d'infangare il buon nome della città di Verona, e pertanto andrebbe perseguito in termini di legge per diffamazione. Sin da ieri circola tuttavia in rete un video, ormai divenuto virale, registrato proprio dagli spalti riservati ai tifosi dell'Hellas in quei frangenti che precedono la celebre pallonata di Balotelli, nel corso del quale è possibile udire gli eloquenti «uh, uh, uh, uh...» non appena la punta del Brescia entra in possesso della sfera. Lo stesso calciatore aveva riferito a fine gara che il suo gesto plateale, sarebbe stato frutto dell'esasperazione dovuta proprio ai cori lanciati al suo indirizzo e che mimerebbero il verso delle scimmie, stando appunto a significare che «Balotelli, in quanto persona di colore, è una scimmia». Questo sia detto, giusto per chiarire in che senso, a torto o a ragione, si parla di «razzismo» nei confronti del calciatore bresciano.

Con una sana dose di onestà intellettuale, il tifoso gialloblu e dirigente veronese di Forza Nuova Luca Castellini, nel corso di un'intervista rilasciata a Radio Cafè aveva ammesso, non senza qualche tentennamento pur dopo aver ascoltato le registrazioni dallo stadio, che effettivamente gli ululati all'indirizzo di Balotelli «ci sarà qualcuno che li ha fatti, dieci persone, sette». Lo stesso Castellini aveva poi declinato la vicenda a livello di «folklore», cioè a dire si fa «uh, uh, uh, uh...» a un calciatore nero non perché si è «razzisti», ma per pura e semplice goliardia, così come si prende in giro un calciatore in quanto «pelato». A domanda secca, circa l'italianità o meno di Mario Balotelli, lo stesso Castellini aveva però risposto che, a suo dire, «Balotelli è italiano in quanto ha la cittadinanza italiana, ma non potrà mai essere del tutto italiano», specificando poi che «quando vedo la nazionale francese che è piena di neri, quella per me non è la nazionale francese». 

Parole queste ultime che, insieme a molte altre pronunciate dall'esponente di Forza Nuova durante l'intervista in radio, hanno immediatamente sollevato un enorme polverone. In queste ore, proprio mentre si attende la decisione del giudice sportivo sull'affaire Balotelli al Bentegodi, sta circolando con insistenza la notizia, eventualmente ancora tutta da confermare, di un possibile «Daspo a vita», così come lo ha definito in un articolo la Gazzetta dello Sport, che la società dell'Hellas Verona starebbe valutando in collaborazione con la questura scaligera nei confronti per l'appunto del tifoso Luca Castellini. Una presa di posizione, quella del club di via Belgio, che, nel caso dovesse concretizzarsi, sarebbe molto forte e che darebbe in un certo senso seguito alle parole pronunciate in precedenza dal presidente Setti, il quale a caldo così si era espresso: «Quando ci sono episodi di razzismo siamo i primi a condannarli, lo abbiamo sempre fatto, ma è sbagliato generalizzare, parlando di cori e tifoseria razzisti, se su 20mila persone fra il pubblico un paio possono, magari, aver detto qualcosa. Quelle due o tre persone, se ci sono, siamo pronti a prenderle e punirle perché condanno fortemente qualsiasi episodio di questo tipo». Sempre riguardo le sue esternazioni durante l'intervista a Radio Cafè, questa mattina l'Hellas Verona, in una nota ufficiale, ha per il momento comunicato di aver deciso «una misura interdittiva» nei confronti di Luca Castellini «sino al 30 giugno 2030», a fronte di «un comportamento basato su considerazioni ed espressioni gravemente contrarie a quelle che contraddistinguono i principi etici ed i valori del nostro Club».

Nel frattempo, però, ad essere chiamati in causa sono stati nuovamente gli amministratori della città di Verona, dal sindaco ai consiglieri che hanno fino ad ora negato ogni responsabilità da parte anche di un solo tifoso dell'Hellas Verona. È a loro che il senatore veronese Pd Vincenzo D'Arienzo si rivolge in una nota, cercando di affermare il principio in base al quale essere contro il razzismo deve restare un criterio indipendente dall'appartenza politica di ciascuno alla "destra" o alla "sinistra": «Gli insulti razzisti ci sono stati, - scrive l'On. D'Arienzo - la partita è stata sospesa per quella ragione, lo speaker dello stadio è intervenuto. Tutto è accaduto per davvero. Probabilmente sono stati meno di venti, ma sempre razzisti sono ed è giusto non generalizzare estendendo la responsabilità a tutti i tifosi ed alla città. Poi - prosegue l'esponente Pd Vincenzo D'Arienzo - ci sono i distratti: sindaco imbarazzante, politici balbettanti, Hellas Verona pesce in barile, nonché tanti e tanti altri che attribuiscono le giuste polemiche alle posizioni politiche, quasi misurando l'avversione al razzismo a seconda se chi parla è di "destra" o di "sinistra". Una sciocchezza colossale. È tutto questo corollario di distratti - conclude il senatore veronese D'Arienzo - che determina un clima tale da impedire la risposta ferma ai razzisti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • È di Stallavena il secondo panettone artigianale più buono d'Italia

  • Guai per una cooperativa: scovati 240 lavoratori irregolari e 7 in "nero"

  • Rapina finita nel sangue: chiude il centro del paese per ricostruire l'omicidio

  • McDonald’s: apre il ristorante di Bussolengo

  • Tamponamento tra auto e tir, sei feriti: uno è grave. Coinvolti due bambini

Torna su
VeronaSera è in caricamento