Torna la Marcia del Giocattolo, per dare una speranza ai bimbi meno fortunati

L'appuntamento è per domenica 8 dicembre, con i tre percorsi che partiranno da Piazza Brà tra le 9 e le 10. L’intero ricavato dell’evento sarà donato al Centro di servizio per il volontariato e andrà a finanziare il progetto ‘Helf4rare for kids’

Una delle precedenti edizioni della Marcia del Giocattolo

Ai piedi, scarpe sportive per correre o camminare. Nel cuore, i bambini meno fortunati che nascono con malattie genetiche rare.
Torna la Marcia del Giocattolo, la manifestazione che lega lo sport alla solidarietà e che, oltre a raccogliere giocattoli per i bambini più sfortunati, devolve il ricavato ad associazioni del territorio impegnate nel sociale.

L’appuntamento per tutti è domenica 8 dicembre, in piazza Bra alle 9. Tre i percorsi: ‘fast’, 10 chilometri per i veri runner, gara che quest’anno diventa competitiva e si inserisce nel calendario riconosciuto Fidal; ‘classica’, 10 o 5 chilometri di corsa o camminando; ‘family’, 2 chilometri intorno al centro storico con animazione e divertimento per genitori e bambini. Solo per quest’ultima la partenza sarà alle 10.

Nonostante i percorsi si snodino tra le vie del centro, non sono previsti disagi per la viabilità. Rimangono infatti liberi gli accessi ai principali servizi, tra cui l’ospedale di Borgo Trento, e durante la gara si potrà entrare ed uscire dal centro storico attraverso i varchi di piazza San Zeno, ponte Risorgimento e piazza Santi Apostoli. La Polizia locale sarà in servizio con 25 agenti.

Ogni partecipante potrà scegliere se aderire al programma di solidarietà che quest’anno avrà come simbolo un pendente a forma di cuore con cui addobbare l’albero di Natale della solidarietà in piazza Bra. L’intero ricavato dell’evento, infatti, sarà donato al Centro di servizio per il volontariato e andrà a finanziare il progetto ‘Helf4rare for kids’ per la lotta contro la DBA (Anemia di Diamond Blackfan) e altre malattie rare del sangue.

E la marcia riserva tante sorprese soprattutto per i bambini. In piazza Bra ci saranno Santa Lucia, il coro di Natale e uno spazio con intrattenimenti dedicato ai più piccini. Sotto la stella e in Gran Guardia ci saranno invece i punti di raccolta giocattoli.

Tra le novità di quest’anno vi è la partecipazione del Children’s Museum Verona, che ha deciso di collaborare alla manifestazione sensibilizzando i bambini su alcune tematiche importanti. Nel trentennale della convenzione ONU per i Diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, il CMV affiderà ad ogni bambini una bandierina con uno dei 42 diritti, da custodire fino al traguardo.

L’evento è organizzato da Associazione Straverona con il patrocinio degli assessorati allo Sport, all’Istruzione e ai Servizi sociali del Comune di Verona e il sostegno di numerosi enti e aziende. La Marcia del Giocattolo è stata presentata questa mattina a palazzo Barbieri.
Erano presenti il sindaco Federico Sboarina, l’assessore allo Sport Filippo Rando, il presidente dell’Associazione Straverona Gianni Gobbi con Nicola Schena, la presidente del CSV Verona Chiara Tommasini, il consigliere di amministrazione di Agsm Francesca Vanzo, la presidente di DBA Verona Maria Elisabetta Villa, il vicecomandante della Polizia locale Lorenzo Grella, Lucio Biondaro del Children’s Museum Verona, Federica Pasini per Family Events e Alessandro Chairini in rappresentanza del Pastificio Avesani.

«Con l’8 dicembre parte ufficialmente il conto alla rovescia per il Natale – ha detto il sindaco –. Sarà una domenica ricca di emozioni e valori. Ancora una volta lo sport diventa strumento di condivisione e veicolo per sensibilizzare su temi importanti».

«Siamo lieti di sostenere di anno in anno questo evento sportivo – ha detto Rando -. Una bellissima iniziativa che unisce sport e solidarietà. Mai come in questi casi siamo chiamati a partecipare e a dare il nostro contributo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

Torna su
VeronaSera è in caricamento