Maltempo in Veneto. Il "conto" arriva a 1 miliardo e 769 milioni di euro

Luca Zaia, Commissario Delegato di Protezione Civile, ha inviato nei giorni scorsi la ricognizione dei danni causati dagli eventi meteorologici di ottobre e novembre nel territorio del Veneto e, in particolare, nel Bellunese

Gli effetti del maltempo in Veneto

Il Commissario Delegato di Protezione Civile, Luca Zaia, ha inviato nei giorni scorsi alla Comunità Europea, al Direttore del Dipartimento di Protezione Civile, Angelo Borrelli, e a vari Ministeri, in primis il Dicastero delle Politiche Agricole e Forestali, la ricognizione dei danni causati dagli eventi meteorologici di ottobre e novembre nel territorio del Veneto e, in particolare, nel Bellunese.
Alla Comunità Europea sarà richiesta, dal Dipartimento della Protezione Civile Nazionale, l’attivazione del Fondo per le emergenze comunitarie.

Questo l'elenco degli interventi, divisi per tipologia e rispettivo importo. 

  • Accantonamenti vari. Costi esercito, costo pubblica sicurezza, volontari, personale ai comuni, ecc: 1.302.250,00 euro. 
  • Interventi tipo A: organizzazione degli interventi di soccorso e assistenza alla popolazione interessata. Esempio gruppi elettrogeni, idrovore, potabilizzatori, sacchi, transenne, allestimento strutture temporanee, assistenza popolazione costretta ad abbandonare l'abitazione: 1.279.750,00 euro. 
  • Interventi tipo B : Attività per il temporaneo ripristino della funzionalità dei servizi pubblici, infrastrutture di rete strategiche come Enel e strade, gestione rifiuti, macerie, materiale vegetale, misure volte a garantire la continuità amministrativa nei comuni e territori: 105.106.465,00 euro. 
  • Interventi tipo D di riduzione rischio residuo. Rifacimento ponti, rifacimento strade comunali regionali e statali, opere idrogeologiche come briglie e ripristino idraulico dei fiumi, ripristino versanti franosi, allontanamento alberi caduti, rifacimento acquedotti, impianti illuminazione pubbliche, piste ciclabili, parchi comunali, strade pedonali ecc: 838.753.712,00 euro. 
  • Interventi tipo D: ripristino sicurezza valanghiva. Vanno sistemati tutti i versanti a protezione degli abitati e delle strade in cui le piante sono schiantate: 154.000.000,00 euro. 
  • Interventi tipo D: danni ai privati non agricoli, tipo impianti idroelettrici, tetti , allagamenti: 160.000.000,00 euro. 
  • Interventi tipo D: Agricoli perdita valore legname schiantato: 141.831.000,00 euro. 
  • Interventi tipo D: Agricoli perdita redditi provenienti dai boschi per 10 anni: 51.310.000,00 euro. 
  • Interventi tipo D: Agricoli ripristino soprassuolo boscato. Piantumazione dei boschi possibili: 185.606.000,00 euro. 
  • Interventi tipo D : Agricoli viabilità silvo - pastorale (780 km): 130.000.000,00 euro. 

Alla fine la somma degli interventi raggiunge un totale di 1.769.189.177,00 euro. 

Potrebbe interessarti

  • Capelli verdi dopo il bagno in piscina? Ecco le cause e i rimedi fai da te

  • I 7 segreti per un'abbronzatura perfetta anche dopo le vacanze

  • Abito sottoveste: il capo must have che non passa mai di moda

  • "Benvenuto": il nuovo vademecum su come affrontare i primi due anni del bebè

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 16 al 18 agosto 2019

  • Una meteora solca i cieli di Verona: il video girato a Borgo Trento

  • Jeremy Wade pronto a svelare il mistero di "Bennie", il mostro del lago di Garda

  • Turismo a Verona, Tosi: «In calo. L'assessore Briani ammetta le sue colpe»

  • Maestre diplomate ma non laureate, a Verona centinaia rischiano il posto

  • Frontale tra auto sul lago: morta una persona e altre due rimaste ferite

Torna su
VeronaSera è in caricamento