No Pfas, al presidio davanti alla Procura di Vicenza anche i 5 Stelle

Il M5S veneto sostiene il comitato delle Mamme No Pfas. "La Procura ora ascolti il grido delle mamme e sequestri al più presto la Miteni, imponendo immediatamente la bonifica del sito"

Il consigliere regionale 5 Stelle Manuel Brusco al presidio delle Mamme No Pfas

Il Movimento 5 Stelle ha espresso il proprio sostegno al comitato delle Mamme No Pfas e lo ha fatto partecipando al presidio organizzato da venerdì scorso, 24 agosto, davanti alla Procura della Repubblica di Vicenza. Il presidio continuerà fino a domani, 28 agosto.

Abbiamo preso in carico con la dovuta serietà questo grave problema di inquinamento fin dalla sua emersione nel 2013 - ricordano gli esponenti veneti del Movimento 5 Stelle - Abbiamo continuato a chiedere la chiusura e la bonifica della Miteni e il pagamento dei gravi danni arrecati, mentre in Regione c'era addirittura chi minacciava di denunciarci per procurato allarme. Abbiamo presentato esposti alla Procura, da cui poi è scaturita l'indagine in corso. La Procura ora ascolti il grido delle mamme e sequestri al più presto la Miteni, imponendo immediatamente la bonifica del sito. Non c'è più tempo da perdere, chi ha inquinato paghi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Condanna della Miteni, bonifica del sito dell'azienda di Trissino e risarcimento dei danni provocati. Lo chiedono i 5 Stelle come lo chiedono anche i manifestanti che da venerdì si danno il cambio per mantenere sempre attivo il presidio davanti alla Procura vicentina. Una manifestazione pacifica, con cui i cittadini chiedono alla giustizia di individuare e condannare i responsabili dell'inquinamento di Pfas in Veneto, contaminazione che riguarda l'acqua di diversi comuni nelle province di Verona, Vicenza e Padova. La Miteni di Trissino è al momento ritenuta la principale responsabile dell'inquinamento e per questo si chiede che la sua attività sia almeno sospesa in via precauzionale, finché la magistratura non avrà accertato le vere resposabilità della Miteni nell'inquinamento da Pfas in Veneto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in vigore la nuova ordinanza firmata da Zaia: cosa cambia a Verona

  • Coronavirus in Germania, la testimonianza di un veronese: «Niente quarantena e allarmismo in TV»

  • «A Verona 140 mila quintali di fragole da raccogliere: servono 3 mila lavoratori»

  • Coronavirus, nuovi casi positivi a Verona ma rallentano ricoveri e decessi

  • In 24 ore 15 morti positivi al virus nel Veronese: frenano contagi e ricoveri. Veneto: 9.177 casi

  • Covid-19, altri 33 tamponi positivi in provincia di Verona. Aumentano anche i "negativizzati"

Torna su
VeronaSera è in caricamento