Angels in Run, "libere di correre" per dire basta alla violenza sulle donne

La quarta edizione della corsa in rosa, aperta anche agli uomini, si svolgerà domenica 24 novembre con partenza dal Bottagisio Sport Center per entrambi i percorsi previsti

La presentazione dell'evento

L’obiettivo è quello di superare i mille partecipanti dell’anno scorso. I presupposti ci sono tutti, visto che in pochi anni è diventato il più grande evento contro la violenza sulle donne.
È ‘We Run- Libere di correre’, la corsa in rosa dedicata alla donne ma aperta anche agli uomini, che da quattro anni coinvolge la cittadinanza in una manifestazione sportiva a scopo benefico.

L’appuntamento è per domenica 24 novembre, al Bottagisio Sport Center. Da qui, con partenza alle 9, i partecipanti potranno camminare o correre attraverso due percorsi di 6 e 11 km. Quello più lungo quest’anno arriverà fino a Castelvecchio, nel cuore della città, mentre quello più corto sarà interamente su strada asfaltata e chiusa al traffico, per consentire la partecipazione anche a persone in carrozzine e mamme con i passeggini.

A differenza delle precedenti edizioni, quest’anno parte del ricavato sarà devoluto per supportare non uno bensì due progetti a favore di donne in difficoltà, promossi dalle associazioni Protezione della Giovane e D-HUB, che da anni sono attive nell’accompagnare donne in situazioni di disagio e che hanno subito violenze verso una nuova rinascita.

La manifestazione è organizzata dall’associazione Angels in Run con il patrocinio del Comune, la collaborazione del Bottagisio Sport Center e del Canoa Club Verona, con il sostegno di numerosi sponsor.

Tra le novità di quest’anno, anche l’attenzione all’ambiente, a cominciare dal Parco dell’Adige, luogo in cui le Angels in Run sono di casa con i loro allenamenti che svolgono durante tutto l’anno. Bicchieri e piatti utilizzati nei ristori saranno infatti in materiale compostibile, fornito direttamente da Amia. Così pure le sacche del pacco gara, che sono realizzate con materiale derivante da bottiglie di plastica riciclate.

Ad aprire la corsa sarà la maratoneta Eliana Patelli, di origine bergamasca ma con il cuore a Verona, che grazie alla corsa è riuscita a lasciarsi alle spalle un amore malato.

L’iniziativa è stata presentata dal consigliere comunale Anna Grassi, in sostituzione dell’assessore allo Sport Filippo Rando. Insieme a lei, una rappresentanza delle consigliere comunale di maggioranza, per un messaggio a sostegno della lotta contro la violenza sulle donne. Sedute al tavolo vi erano le consigliere Laura Bocchi, Paola Bressan e Daniele Drudi; la presidente di Angels in Run Anna Marostiva con la vice Elen Bono, il consigliere di amministrazione di Agsm Francesca Vanzo, il direttore del Bottagisio Sport Center Corrado Di Taranto con il vicedirettore Giuseppe Saeli, il presidente del Canoa Club Verona Bruno Panziera, la vicepresidente della Protezione della Giovane Anna Sanson, Maria Antonietta Bergamasco per l’associazione D-HUB. Per gli sponsor, Laura Moroni di Specchiasol e il direttore di Naturasì di Corso Milano Santo Licari.

«La presenza di alcune consigliere di maggioranza sta a significare quanto l’amministrazione creda in questa manifestazione – ha detto Grassi -. Crediamo nel valore aggiunto di queste iniziativa, che persegue l’obiettivo di contrastare il vergognoso fenomeno della violenza contro le donne attraverso lo sport, lo stare insieme, la partecipazione».

L’iscrizione è possibile on line su www.endu.net/it/events/run e nei negozi autorizzati (lista completa su www.angelsinrun.it/we-run).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Artigiano muore folgorato in strada mentre lavora: inutili i soccorsi del 118

  • Arriva il maltempo in Veneto, pioggia e neve: "Stato di attenzione" della protezione civile

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 17 al 19 gennaio 2020

  • Trovano un vero arsenale nella sua casa: 42enne finisce in manette

  • Operaio morto sul lavoro a Legnago, assolto rappresentante dell'azienda

  • Tocca con la motosega i cavi dell'alta tensione: non c'è stato scampo per il 46enne

Torna su
VeronaSera è in caricamento