I 50 anni della doc Valpolicella per lanciare il turismo nel territorio di Illasi

L'evento "50 anni di Valpolicella" di venerdì 30 novembre sarà l'occasione per presentare il progetto "Illasi da Inventare"

La presentazione di Illasi da Inventare

È stato presentato martedì 27 novembre nella Sala Rossa dei Palazzi Scaligeri, l'evento "50 anni di Valpolicella", in programma venerdì 30 novembre in Villa Sagramoso Perez Pompei a Illasi. Alla presentazione sono intervenuti il presidente della Provincia di Verona Manuel Scalzotto, il sindaco di Illasi Paolo Tertulli, l'assessore allo sviluppo turistico di Illasi Piero Comparoto, il consigliere Cesarino Venturini, il presidente dell'Accademia di agricoltura, scienze e lettere di Verona Claudio Carcereri de Prati, il segretario generale della Camera di Commercio Cesare Veneri e la direttrice del Consorzio per la tutela dei vini della Valpolicella Olga Bussinello.

"50 anni di Valpolicella" rappresenta un primo appuntamento condiviso e, al contempo, l'occasione per presentare il progetto "Illasi da Inventare", che prevede iniziative, azioni ed incontri finalizzati sia ad accrescere la visibilità e la percezione positiva e diffusa del territorio, anche fuori dai confini regionali e nazionali, sia a formare gli operatori, coinvolgendo tutti i portatori di interesse. Tra gli strumenti e gli obiettivi previsti dal progetto figurano: la promozione della produzione enologica di Illasi attraverso incontri con operatori italiani ed esteri volti ad incrementare flussi turistici di nicchia e di qualità; azioni in sinergia con associazioni di categoria; comunicazione attraverso i media tradizionali, social e web e la partecipazione a saloni e fiere del turismo enogastronomico e cicloturistico. Inoltre, il Comune di Illasi si farà parte attiva per organizzare corsi di formazione rivolti sia al settore ricettivo, sia a quello dell’enoristorazione.

All'incontro di venerdì 30 novembre a Illasi interverranno: Carlo Cambi, autore e conduttore della trasmissione televisiva Linea Verde, che affronterà il tema «Dal Territorio al Prodotto: un sistema integrato di qualità per la valorizzazione dell’offerta»; Claudio Carcereri de Prati che parlerà della tutela naturalistica e della valorizzazione economica del paesaggio ed Andrea Sartori, presidente del Consorzio Tutela dei Vini Valpolicella che illustrerà le opportunità di sviluppo turistico. Infine il sindaco Paolo Tertulli farà una panoramica sulle sfide future per la crescita del territorio che amministra. Moderatrice dell'incontro sarà Debora Viviani, docente di sociologia all'università di Verona.

Un progetto che parte da un singolo Comune ma che potrà avere positive ricadute economiche, e dunque sociali, anche nei territori confinanti - ha dichiarato il presidente della Provincia Manuel Scalzotto - Considero il turismo un'industria importante, per far crescere in modo ecologico e pulito i nostri territori.

E il sindaco Tertulli ha aggiunto: «Questo è un territorio che, se ben comunicato e promosso in modo sistematico anche a livello internazionale può richiamare un turismo rispettoso dell'ambiente, interessato a conoscere e a tornare, oltre che ad acquistare un prodotto di alta qualità, fruendo di una rete di offerta di servizi e prodotti più ampia».

«C'è una domanda turistica qualificata, in crescita, che cerca luoghi in cui coniugare cultura, paesaggio, e prodotti enologici e gastronomici di qualità, e la Val d’Illasi, la Valpolicella estesa sia a est che a ovest, è in grado di rispondere in modo qualificato», ha concluso Veneri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dall'8 all'11 novembre 2019

  • Terribile frontale tra auto e camion nella notte: perde la vita un 34enne

  • Con il dottor Claudio Zorzi dell'ospedale di Negrar l'Ortopedia veronese ai vertici in Italia

  • Signora arrestata per furto di profumi nel centro commerciale "Porte dell’Adige"

  • Accoltellamento a Verona, un uomo in ospedale: caccia agli aggressori

  • Operato a Verona, un paziente ringrazia: «Ho finalmente rivisto la luce»

Torna su
VeronaSera è in caricamento