Verso le elezioni europee, incontri dello Spi: «L’Europa che vogliamo»

Il sindacato dei pensionati della Cgil ha organizzato quattro giornate di approfondimento all'hotel San Marco di Verona

La locandina dell'iniziativa della Spi Ggil Verona

Quattro giorni di incontri per parlare di Europa, in vista delle elezioni del prossimo 26 maggio. Ad organizzarli è il sindacato dei pensionati Spi Cgil di Verona oggi, 26 marzo, e poi nelle giornate del 2 aprile, 16 aprile e 10 maggio, all’hotel San Marco.

Come sindacato dei pensionati - sottolinea Adriano Filice, segretario generale dello Spi Cgil di Verona - riteniamo fondamentale ed importante l'appuntamento elettorale delle Europee di maggio perché siamo consapevoli che il futuro sulle politiche di welfare, sui diritti e le tutele, sulla protezione sociale delle persone che noi rappresentiamo, passi inevitabilmente e sempre più da istituzioni Europee più forti ma certamente diverse da come le abbiamo conosciute finora.
Abbiamo deciso questo percorso perché crediamo che la partecipazione attiva, responsabile e consapevole passi attraverso la conoscenza approfondita delle dinamiche storiche, economiche e di governance dell’Europa, delle sue radici, dei suoi meccanismi. Dalle scelte che hanno funzionato come dei clamorosi errori che hanno contrassegnato la sua evoluzione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono stati perciò invitati a parlare tre docenti: si parte con l'intervento di Leonida Tedoldi, storico e politologo dell'università di Verona, il cui intervento "Per una ricostruzione storica" approfondirà il contesto sociale e storico in cui nascono le radici di una grande idea, di una possibile utopia. Seguirà l'analisi economica grazie ad una conversazione con Walter Cerfeda. Il terzo incontro con Donata Gottardi, giurista dell'università di Verona, presenterà un approfondimento sulla governance del vecchio continente, caratterizzata da carenze decisionali per il prevalere di divergenze tra i paesi membri. L’ultimo incontro di chiusura, quello del 10 maggio, si intitola "L’Europa che vogliamo" e parte dal ruolo centrale del sindacato europeo e italiano con l'obiettivo di creare un'Europa del lavoro e della crescita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in vigore la nuova ordinanza firmata da Zaia: cosa cambia a Verona

  • Coronavirus in Germania, la testimonianza di un veronese: «Niente quarantena e allarmismo in TV»

  • «A Verona 140 mila quintali di fragole da raccogliere: servono 3 mila lavoratori»

  • Coronavirus, nuovi casi positivi a Verona ma rallentano ricoveri e decessi

  • In 24 ore 15 morti positivi al virus nel Veronese: frenano contagi e ricoveri. Veneto: 9.177 casi

  • Da Brescia a Verona, per 15 dottoresse ed infermiere "future spose" in regalo la torta

Torna su
VeronaSera è in caricamento