Merce sequestrata dalla Municipale distrutta da Amia dopo la confisca

Ben trentasei scatoloni sono stati mandati al macero. Al loro interno merce di esiguo valore commerciale sequestrata dai venditori abusivi in centro storico dal 2014 al 2017

Gli scatoloni mandati al macero

Che fine fanno i prodotti sequestrati dalla polizia municipale agli ambulanti abusivi? Un dubbio che può sorgere nella mente dei cittadini, perché generalmente i resoconti di cronaca parlano di sequestri e sanzioni, ma non raccontano ciò che accade dopo.

Se nessuno ne rivendica il possesso, i prodotti sequestrati vengono confiscati dai vigili che poi ne ordinano la distruzione. Questo perché generalmente si tratta di merce priva di tracciabilità e di conformità prevista dalla Comunità Europea, che non può essere devoluta nemmeno in beneficenza.

Ed è quanto accaduto ieri mattina, 24 aprile, nella sede di Amia, dove è stato distrutto il materiale sequestrato dai venditori abusivi in centro storico dal 2014 al 2017.
Ben trentasei scatoloni mandati al macero. Al loro interno merce di esiguo valore commerciale, come ombrelli, braccialetti, collane, occhiali da sole, indumenti e attrezzature utilizzati dai figuranti non autorizzati (centurioni), manifesti, accendini, cappelli, bottiglie d'acqua, lattine di birra e girandole.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Protagonista del servizio di "Striscia la Notizia", aggredito e derubato in città

  • Illasi, non digerisce un commento negativo della suocera e l'accoltella

  • Boato nella notte a Verona: bancomat assaltato e ladri in fuga col denaro

  • Scomparso da Sant'Ambrogio di Valpolicella, 18enne ritrovato a Portici

  • Controlli notturni dei carabinieri di Legnago e San Bonifacio per contrastare i furti in casa

Torna su
VeronaSera è in caricamento