Degrado a Porta Catena: «Perse le tracce dell'amministrazione comunale»

Federico Benini e il gruppo consiliare del PD, sollevano la questione relativa alla situazione della zona: «Oggi gli sbandati, poco più di una decina, non stazionano più nelle tende ma in camper e in monovolume perennemente parcheggiati nella via»

L’incapacità dell’amministrazione comunale, che sbandiera sicurezza ma non c’è mai quando emergono le vere criticità, sta trasformando un’altra parte della città dalle grandissime potenzialità in un luogo infrequentabile. Parliamo di via Porta Catena, grande polmone verde a due passi dall’Adige, servito da parchi, campi da gioco, chiosco, area cani e che ospita anche una scuola media.
Nell’area è riaffiorata una situazione simile a quella già segnalata dal sottoscritto qualche anno fa, relativa ad accampamenti di fortuna tirati su da gente sbandata, a cui la scorsa amministrazione aveva cercato di mettere rimedio.

A sollevare la questione è Federico Benini, consigliere comunale per il PD a Verona, unitamente al gruppo consiliare del Partito Democratico per la terza Circoscrizione. 

Oggi gli sbandati, poco più di una decina, non stazionano più nelle tende ma in camper e in monovolume perennemente parcheggiati nella via. L’effetto di degrado è identico: fornelletti da campo in strada e nelle aree verdi ad ogni ora del giorno; giardini e aree cani utilizzati come latrine a cielo aperto; pattume ovunque, perché ovviamente i cestini installati non bastano a contenere i rifiuti prodotti da questo tipo “domestiche” ormai stabilmente installate nella via.

Ora il compito del Comune è doppio: da una parte spostare questa gente che non può pretendere di prendere di possesso di una via dedicata allo svago e frequentata da studenti medi, genitori e nonni. Dall’altra parte, il dovere di riqualificare una volte per tutte l’area per risolvere le criticità che altrimenti sono destinate a riaffiorare periodicamente.

L’area oggetto di intervento si estende da Porta Catena fino a Porta Fura in Prima Circoscrizione, notoriamente zona di spaccio e di consumo di droga, per la quale esistono alcune proposte di riqualificazione presentate ad esempio dal consigliere Franco Dusi.

Per la parte ricadente in Terza Circoscrizione, lo scorso dicembre 2017 avevamo proposto il recupero a centro di socializzazione di un casale in disuso situato nelle immediate vicinanze delle scuole Alighieri con l’intento di rendere l’area frequentata ad ogni ora del giorno. Nel valutare tale possibilità gli uffici comunali avevano però accertato che il fabbricato è di proprietà del demanio statale il quale aveva manifestato la volontà di recuperarlo per attività della Forestale. Di fatto però l’immobile è ancora lì a contribuire al degrado dell’area ed è a questo punto necessario che il Demanio prenda una decisione: o lo riutilizza o lo cede.

L’immobilismo di questa amministrazione sta danneggiando gravemente quartiere Catena che da una parte di via Colombo sta diventando sempre più quartiere dormitorio e dall’altra parte della via un’area sempre più infrequentabile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una città intera in lutto: si è spento Roberto Puliero e Verona perde la sua voce

  • Sbanca a L'Eredità, dipendente comunale pensa ai colleghi in difficoltà

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Il cordoglio della politica veronese per la scomparsa di Roberto Puliero voce della città

  • Madre e figlia dirette a Londra arrestate all'aeroporto Catullo dalla polizia

  • Maltempo a Illasi: «Situazione ancora critica, preoccupa il livello del Progno»

Torna su
VeronaSera è in caricamento