Corteo di cittadini nel quartiere Golosine per chiedere più sicurezza

È in programma per giovedì prossimo con partenza alle 20.30 dal parcheggio delle piscine di via Bisenzio. Gli organizzatori: «Il problema ha un nome ben preciso: mafia nigeriana»

Polizia alle Golosine per chiudere un locale

Mafia nigeriana. I residenti di Santa Lucia e Golosine, a Verona, lo hanno detto chiaramente. Il problema sicurezza nei loro quartieri è legato alla presenza della mafia nigeriana e loro non temono di passare per un gruppo di cittadini paranoici, per quelli che ingigantiscono la realtà. Per questo giovedì prossimo, 20 giugno, hanno organizzato un corteo per le vie di Golosine, con partenza alle 20.30 dal parcheggio delle piscine di via Bisenzio.

«Non ci stiamo e pretendiamo un cambio di marcia, una reale volontà di estirpare il problema alla radice e non i soliti provvedimenti a macchia di leopardo, utili solo a illudere una popolazione che non vuole più subire inerme questa sporca guerra», scrivono gli organizzatori del corteo. I "soliti provvedimenti a macchia di leoparto" sono quelli che sono stati presi in questi ultimi mesi, con sigilli nei locali o limitazioni agli orari dei bar che infastidiscono di più la popolazione residente. «Non è con qualche estemporaneo seppur doveroso provvedimento di chiusura provvisoria di alcuni locali fracassoni che si riporta la legalità, quella vera, la sicurezza che ormai da tempo sembra mancare in questo quartiere - proseguono gli organizzatori del corteo di giovedì - Poco può fare qualche volonteroso agente di polizia municipale dal momento che qui siamo di fronte ad uno scenario di guerra per il controllo del territorio che come tale va affrontato».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La nostra non è una protesta "contro" qualcuno - concludono - Vogliamo però sensibilizzare tutti i cittadini e le istituzioni che viviamo un momento di grande preoccupazione perché il nostro quartiere non è semplicemente afflitto da semplice "degrado da periferia" ma è da tempo terreno di scorribande mafiose, violente faide per il controllo dello spaccio, del traffico di esseri umani e della prostituzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attaccata sotto la sedia, nascondeva una scatola con quasi mezzo chilo di coca

  • Coronavirus: Verona segna ancora il peggior aumento di casi positivi totali in Veneto

  • Ancora un dramma sulle strade: motociclista muore dopo lo scontro con un cervo

  • Ricercato in tutta Europa, viene scoperto ed arrestato dai carabinieri di Legnago

  • Movida in Erbe a Verona: immagini denuncia sui social (e le webcam registrano tutto)

  • Quante persone posso invitare a pranzo o cena in casa mia secondo le norme in Veneto?

Torna su
VeronaSera è in caricamento